Non ci sono condizioni per un confronto serio e costruttivo. Odg e Fnsi respingono la nuova convocazione di Di Maio

Non sussistono le condizioni per un confronto serio e costruttivo. Con questa motivazione la Federazione nazionale della Stampa italiana e l’Ordine dei giornalisti, dopo aver declinato l’invito per il 27 novembre, hanno risposto no anche alla nuova convocazione del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, fissata per il 10 dicembre.

“Le ragioni”, hanno ribadito il segretario Fnsi, Raffaele Lorusso, e il presidente Cnog, Carlo Verna, “sono quelle illustrate in occasione dell’invito di qualche giorno fa. La convocazione di sindacato e Ordine insieme a non meglio identificate associazioni è una mancanza di rispetto verso chi rappresenta i giornalisti ed è legittimato a farlo da percorsi democratici codificati da leggi e statuti, quali elezioni, congressi e riunioni di organismi collegiali. Peraltro, ai pesanti insulti alla categoria non è mai seguito un gesto di ravvedimento da parte del ministro”.

Carlo Verna (Cnog) e Raffaele Lorusso (Fnsi)

“Riteniamo, inoltre, che un confronto serio e costruttivo non possa prescindere da atti chiari e trasparenti di contrasto al lavoro precario da parte del governo. Non si può impugnare la bandiera della difesa dei più deboli e allo stesso tempo insistere per azzerare il fondo per l’editoria, un provvedimento che, se approvato, avrà come unico risultato quello di far crescere il numero dei precari”, hanno rimarcato.

Sindacato e Ordine nella stessa giornata del 10 dicembre convocheranno un’assemblea pubblica davanti alla sede del Ministero dello Sviluppo economico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Microsoft si rafforza nel gaming e acquisisce ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Lagarde: la crisi pandemica ha rafforzato l’Europa; euro digitale non ha nulla a che fare con “cripotovalute”

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari

Nel 2020 si contrae la spesa per gli smartphone: -7,9% a livello globale. Dati Idc: 3 device su 4 costano meno di 400 dollari