Salgono a 16 le testate del Gruppo Cose Belle d’Italia con l’acquisizione di Milano Fashion Library

Il Gruppo Cose Belle d’Italia, Gruppo italiano che unisce e valorizza realtà rappresentanti l’eccellenza del Made in Italy, attive nel mondo della cultura, dell’arte, del design e del lifestyle, ha acquisito la casa editrice Milano Fashion Library tramite la propria controllata BelVivere Srl di cui Diego Valisi sarà azionista insieme a Cose Belle d’Italia.

foto Barabino&Partners

Diego Valisi

Attraverso quest’operazione, riporta una nota stampa, entrano sotto il cappello di Cose Belle d’Italia 10 testate specializzate nel settore moda, sport e lifestyle, portando quindi a un totale di 16 magazine, 18 siti e 37 profili social il portafoglio editoriale delle testate del Gruppo.

Stefano Vegni,Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Cose Belle d’Italia, ha commentato: “L’operazione rientra nel più ampio piano di crescita del Gruppo che punta a consolidare la propria leadership nel mondo della cultura e del bel vivere italiano tramite la valorizzazione, l’integrazione e lo sviluppo delle proprie realtà, anche attraverso acquisizioni mirate. In particolare, con le testate di Milano Fashion Library, riconosciute per la qualità dei contenuti e per la capacità di raggiungere un target di lettori esigente e interessato a tutto quello che oggi definiamo come lifestyle, rafforziamo la nostra presenza editoriale specializzata con un’offerta unica e articolata edita da BelVivere, media company del Gruppo”.

“Con la nostra realtà, presente sul mercato da 10 anni, siamo convinti di aver portato valore all’intero Gruppo Cose Belle d’Italia” ha commentato Diego Valisi, neo Presidente e Amministratore Delegato di BelVivere e fondatore di Milano Fashion Library: “Grazie alla nostra capacità di sviluppare contenuti mirati, alle nostre numerose testate, alla consulenza che sappiamo offrire, elementi che ci hanno caratterizzati in questi anni, BelVivere ha scelto di crescere e aggiungere nuova forza vitale acquisendo un asset ricco di storia. Insieme sapremo affermarci come realtà di riferimento nel panorama dell’editoria nazionale e internazionale, con ben 16 magazine verticali tutti rivolti a nicchie di mercato particolarmente appetibili alla parte più alta del mercato pubblicitario”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider