Amazon ottiene la licenza da corriere postale in Italia

Amazon ha ottenuto la licenza per svolgere il servizio di corriere postale. Amazon Italia Logistica e Amazon Italia Transport sono infatti state inserite nell’elenco degli operatori postali aggiornato al 16 novembre e pubblicato sul sito del ministero dello Sviluppo economico.

Amazon aveva chiesto la licenza alcune settimane fa, dopo che l’Agcom (l’Autorità per le tlc che ha competenza anche in materia postale), il 2 agosto scorso, l’aveva sanzionata con una multa da 300mila euro proprio per lo svolgimento di attività postali, quali la logistica e la consegna di pacchi o la gestione dei centri di recapito, senza il necessario titolo autorizzativo.

(Foto Ansa – EPA/FRIEDEMANN VOGEL)

Stando all’elenco, sono ben 4.463 (molti dei quali compaiono però più volte sotto diverse diciture e con più di una licenza) i soggetti autorizzati al servizio.

Le due società che fanno capo ad Amazon hanno ottenuto la cosiddetta “autorizzazione generale”, vale a dire, come spiega il Mise sul proprio sito, la possibilità di consegnare posta sopra i 2 kg e pacchi da 20 a 30 kg, pony express, raccomandate urgenti, consegna con data e ora certa e altri servizi a valore aggiunto. Non si tratta, quindi, della “licenza individuale”, con la quale si possono consegnare raccomandate, assicurate, posta fino a 2 kg (in pratica le lettere) e pacchi fino a 20 kg.

Per ottenere la licenza, le due società Amazon hanno dovuto semplicemente compilare dei moduli e pagare le spese riguardanti l’istruttoria (312 euro) e un altro contributo annuo, sempre da 312 euro, “per l’attività di verifica e controllo sulla permanenza dei requisiti relativo al primo anno dal quale decorre l’autorizzazione generale”. L’autorizzazione è valida 6 anni (anno solare), è rinnovabile presentando almeno 45 giorni prima della scadenza la richiesta con la documentazione aggiornata e non può essere ceduta a terzi senza preventiva informazione al Ministero. Avendo ottenuto l’autorizzazione a operare in questo mercato, Amazon, come spiega su Twitter il commissario Agcom Antonio Nicita, “sarà sotto la lente” dell’Autorità, nel senso che sarà sottoposta al controllo dell’organo di vigilanza.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Rai: domani in Vigilanza il voto su Foa. Lega e M5S divisi, si va verso l’ok alla risoluzione contro il doppio incarico

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Inpgi: 147 milioni di euro di disavanzo, in cinque anni persi 3mila posti. Macelloni: male la gestione principale dei giornalisti

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca

Facebook lancia la criptovaluta Libra. Zuckerberg: sicurezza pagamenti anche senza conto in banca