Predominio Champions, ma il fenomeno è Coliandro. Costanzo regola Mannoni e Vespa

Entrambe sono state appena sconfitte dalle inglesi nelle coppe, ma l’Inter non si è ancora qualificata al turno successivo e rimane molto distante dalla Juventus in termini di prestazioni Auditel.

Ieri la partita di Champions League in chiaro ‘Tottenham-Internazionale’, vinta dagli Hotspurs per uno a zero grazie al gol di Eriksen giunto all’ottantesimo, proprio mentre i nerazzurri sembravano oramai controllare il match (dopo le ambasce del primo tempo), ha conseguito 4,535 milioni di spettatori ed il 17,7% di share su Rai1. La stessa sfida su Sky ha riscosso ulteriori 754mila spettatori e il 3%, con l’altro incontro – Napoli-Stella Rossa – a 390mila spettatori e l’1,5%. In chiaro sull’ammiraglia pubblica – fino ad ora – i nerazzurri ‘perdono’ il confronto con i bianconeri, vincono quello con la Roma, sono dietro al Napoli. Nel turno precedente, infatti, su Rai Uno ‘Juventus- Manchester United’, vinta in rimonta per due a uno dagli inglesi, aveva ottenuto 6,269 milioni di spettatori ed il 24,1% di share. ‘Real Madrid-Roma’, a settembre, aveva conquistato 4,2 milioni ed il 17,6%. Mentre ‘Napoli-Liverpool’, aveva portato a casa 4,8 milioni di spettatori ed il 19,2%. Meglio della prestazione televisiva di ieri era stata la precedente prova della squadra di Luciano Spalletti: l’andata di ‘Barcellona-Inter’ aveva conseguito 4,655 milioni ed il 18,4%, sempre sull’ammiraglia pubblica.

Ma il fenomeno di ieri non è stato il calcio. A emergere, è stata piuttosto la prestazione su Rai2 de ‘L’Ispettore Coliandro’, in crescita e al secondo posto della graduatoria con 2,596 milioni di spettatori e il 10,7%, in vantaggio per ascolti sia sul film di Canale5 (‘Indovina chi viene a Natale’ 2,435 milioni e 10,9%) che su ‘Chi l’ha visto?’, a 2,166 milioni di spettatori e il 10,1% su Rai3.

Molto più staccata dai primi è arrivata Italia1: ‘Harry Potter e i doni della morte –Prima parte’ si è attestato a 1,344 milioni di spettatori e il 6,6%.

In coda, su Rete4, Piero Chiambretti (con Cecilia Rodirguez e Ingnazio Moser, ma anche Nina Moric) ha convocato su ‘Cr4-La Repubblica delle donne’ 846mila spettatori (4,2%), in calo di 100 mila spettatori rispetto alle precedenti puntate.

Meglio del solito ha fatto su La7 Andrea Purgatori, a 728mila spettatori e il 3,3% con una puntata di ‘Atlantide’ dedicata a Tangentopoli e alla corruzione della politica in Italia. Meglio de La7, infine, ha fatto il passaggio in chiaro di ‘X Factor’ su Tv8, ieri a 751mila spettatori e il 3,4%.

‘Coliandro’ ha dominato dopo la fine delle partite, passando il testimone, prima ai momenti finali della trasmissione di Federica Sciarelli e quindi, dopo mezzanotte abbondante, al ‘Maurizio Costanzo Show’ (Emma, Lino Banfi, Rita Pavone, Elettra Lamborghini tra gli ospiti).

Canale 5 ha visto netto su un Bruno Vespa (a ‘Porta a Porta’  Vincenzo Spadafora nella prima parte, il dialogo con angeli e morti nella seconda parte) stavolta battuto pure da Maurizio Mannoni, forte a ‘Linea Notte’ del traino di Chi L’ha visto?.

In access con il calcio in gioco, si sono accorciate le distanze tra i talk. Su La7 ‘Otto e mezzo’ è arrivato a 1,6 milioni di spettatori e 6,33% di share con Laura Castelli, Alessandro Sallusti e Luca Telese ospiti di Lilli Gruber.

Su Rete 4 ‘Stasera Italia’ ha avuto 1,150 milioni di spettatori e il 4,55% di share con Ferruccio de Bortoli, Mariastella Gelmini, Stefano Buffagni e Luisella Costamagna ospiti di Barbara Palombelli.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Inpgi: il sottosegretario Durigon convoca un tavolo con casse previdenziali, Mef e Crimi

Inpgi: il sottosegretario Durigon convoca un tavolo con casse previdenziali, Mef e Crimi

Stati Generali dell’Editoria, accrediti entro le ore 16. Diretta streaming sul sito del Governo

Stati Generali dell’Editoria, accrediti entro le ore 16. Diretta streaming sul sito del Governo

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera