Radio: ottobre mese record per la pubblicità, +2,2%, da inizio anno +5,15. Fcp: cresce il prezzo medio

L’Osservatorio Fcp-Assoradio (Fcp-Federazione Concessionarie Pubblicità) ha raccolto i dati relativi al fatturato pubblicitario di ottobre 2018. Nel mese, il mezzo Radio ha registrato un dato pari a +2,2% rispetto al corrispettivo 2017, con un fatturato totale di € 37.847.000,00.

Fausto Amorese (Foto Massimiliano Stucchi)

Il commento del presidente Fcp-Assoradio, Fausto Amorese: “Nonostante le incertezze dello scenario macroeconomico quello di ottobre è stato un mese da record per il fatturato del mezzo Radio: +2,2% sul 2017 e +17,1% sul 2016. È questa la fotografia che ci restituisce l’Osservatorio Fcp-Assoradio. Ad oggi si tratta del mese col fatturato più alto dell’anno”.

“Ulteriore indicatore positivo, considerato il numero totale degli avvisi, è l’incremento del prezzo medio che riflette da parte degli investitori il valore attribuito alla Radio nel media mix. Il dato progressivo a ottobre conferma di conseguenza un risultato migliore della media del mercato: +5,1%. Tra i settori che crescono maggiormente nei primi dieci mesi segnaliamo distribuzione, media-editoria, tempo libero, turismo-viaggi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pubblicità a settembre torna in negativo, -3,4%. Nielsen: in 9 mesi -16% (-20,3% senza search/social); perdite a doppia cifra per quasi tutti i mezzi

Pubblicità a settembre torna in negativo, -3,4%. Nielsen: in 9 mesi -16% (-20,3% senza search/social); perdite a doppia cifra per quasi tutti i mezzi

Pubblicità in crescita del 7% in agosto ma da inizio anno pesa il lockdown, -17,7%. Nielsen: confermata inversione di tendenza

Pubblicità in crescita del 7% in agosto ma da inizio anno pesa il lockdown, -17,7%. Nielsen: confermata inversione di tendenza

Radio, adv in ripresa ad agosto: -1%. Fcp: miglioramento sui mesi precedenti, con investimenti quasi allineati al 2019

Radio, adv in ripresa ad agosto: -1%. Fcp: miglioramento sui mesi precedenti, con investimenti quasi allineati al 2019