Di Maio: questioni su libertà di stampa legati al conflitto d’interessi degli editori e alla dignità del lavoro giornalistico

“Abbiamo un tema di libertà di stampa, legato al conflitto di interessi di alcuni editori italiani, una buona parte, e l’altro alla dignità del lavoro dei giornalisti”. A dirlo il vicepremier Luigi Di Maio, spiegando: “Volevo incontrare l’ordine dei giornalisti per occuparci dei precari. Fino ad ora non c’è stataquesta disponibilità ad incontrarmi, né dall’ordine, né dalla Federazione della stampa italiana. Ci riproverò, perché sono nella fase in cui voglio discutere dell’ordine, con l’ordine, di quei problemi”.

Di Maio ha spiegato che il giorno in cui aveva invitato Ordine e Fnsi “al ministero hanno preferito partecipare ad un evento del Pd a Bruxelles“.

Il ministro del Lavoro dello Sviluppo economico e vicepremier Luigi Di Maio (Foto ANSA/ANGELO CARCONI)

“Dobbiamo lavorare molto di più sull’equo compenso – un vero equo compenso, perché qualcosa è stato fatto in passato e non ha dato risultati – e sui diritti fondamentali di chi lavora nel mondo del giornalismo”, ha ribadito ancora Di Maio, dichiarandosi deciso ad incontrare l’ordine, per parlare dei giornalisti precari. “Ne volevo discutere, ci riproverò, perché sono nella fase in cui voglio discutere dell’ordine, con l’ordine, di quei problemi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Colao: porteremo la banda ultralarga a tutti, lo faremo con gare e sussidi; prima gli interessi dei cittadini

Colao: porteremo la banda ultralarga a tutti, lo faremo con gare e sussidi; prima gli interessi dei cittadini

Fnsi in piazza il 20 maggio per informazione e lavoro: Il Pnrr non assegna la giusta attenzione a chi fa informazione

Fnsi in piazza il 20 maggio per informazione e lavoro: Il Pnrr non assegna la giusta attenzione a chi fa informazione

Sergio, direttore Radio Rai: il futuro è ibridazione tra mezzi, la radio è una piattaforma dove la differenza la fa il contenuto. E su Ter…

Sergio, direttore Radio Rai: il futuro è ibridazione tra mezzi, la radio è una piattaforma dove la differenza la fa il contenuto. E su Ter…