Cambia la fruizione degli show tv: 6 su 10 fanno binge watching e per seguire le serie rinunciano a tutto

Tra le nuove abitudini nate dallo streaming c’è il binge-watching. Intesa come tendenza a guardare di seguito due o più episodi di uno show tv prima disponibile una volta a settimana, il binge-watching può avere anche un impatto significativo sulla vita degli spettatori tv, condizionandone orari e, a volte, anche relazioni sociali.

Lo dimostra un sondaggio realizzato da The Hollywood Reporter con Morning Consult su un campione di 2044 persone, secondo cui più del 60% di chi segue show tv a episodi fa binge watching. Di queste il 15% lo praticano quotidianamente, il 28% più volte a settimana e il 17% una volta a settimana.
La percentuale cresce tra i soggetti più giovani. Il 73% di quanti hanno tra i 18 e i 29 anni infatti guarda più episodi di seguito di uno show o una serie almeno una volta a settimana; la fetta scende al 69% quando si va nella fascia 30-44 anni.

(elaborazione Morning Consult)

La curiosità è la molla che spinge a guardare più puntate di seguito: l’87% degli spettatori infatti ammette di volerne sapere di più di una storia, l’81% apprezza il cast, mentre l’80% lo ritiene rilassante.

Ovviamente, per seguire puntate e serie tv si sottrae tempo ad altre attività. Quali? La prima è il sonno. Secondo il report infatti il 52% degli spettatori (il 76% tra i più giovani) resta alzato di notte per seguire uno show.

Ma il binge-watching riesce anche ad avere la precedenza su altri interessi. Quasi un quarto degli interpellati, e il 45% tra gli under 30, è disposto a modificare i propri impegni sociali per restare a casa inchiodati allo schermo.

(elaborazione dal sito Statista.com)

Il 29% degli spettatori (e al 51% di quelli tra 18 e 29) ha dichiarato di aver visto una nuova stagione disponibile sulle piattaforme come Netflix, Amazon in un giorno solo.
Ma nemmeno il lavoro può fermare i più incalliti. Stando alla ricerca, infatti, il 22% degli intervistati e il 42% dei più giovani ha visto una trasmissione anche sul posto di lavoro.

Ecco altri dati, sempre ripresi da Morning Consult:

(elaborazione Morning Consult)

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La pubblicità a gennaio cala dello 0,5%. Senza search, social, ott e classified -4,1%. Dati Nielsen

La pubblicità a gennaio cala dello 0,5%. Senza search, social, ott e classified -4,1%. Dati Nielsen

Tv, Mediobanca: il 90% del mercato italiano in mano a 5 top; tra 2013 e 2017 Mediaset prima per ricavi, Sky per utili e Rai per ascolti

Tv, Mediobanca: il 90% del mercato italiano in mano a 5 top; tra 2013 e 2017 Mediaset prima per ricavi, Sky per utili e Rai per ascolti

Nel 2019 gli investimenti in adv digital supereranno quelli sui media tradizionali. La stampa il mezzo più colpito, tiene l’out of home

Nel 2019 gli investimenti in adv digital supereranno quelli sui media tradizionali. La stampa il mezzo più colpito, tiene l’out of home