Politica, sport e intrattenimento i temi più twittati nel 2018 in Italia. Salvini tra i politici più menzionati; di Ronaldo il cinguettio con più like

La Juventus trionfa nello sport, YouTube nell’intrattenimento, mentre Matteo Salvini spopola nella politica. Questa la fotografia del 2018 scattata da Twitter in Italia, con i trend più popolari nel nostro Paese dell’ultimo anno. 

Sport, politica e intrattenimento sono stati i temi più cinguettati. In generale, tra gli account più menzionati sul social c’è @YouTube, seguito da @matteosalvinimi e da @onedirection. Al quarto posto si piazza il quotidiano La Repubblica, che precede l’altro vicepresidente del Consiglio, @luigidimaio, l’ex premier @matteorenzi e il @pdnetwork. La Juve è ottava, seguita dal Fatto Quotidiano e da Ariana Grande.

Il ministro dell’Interno è anche tra gli hashtag più gettonati su Twitter, dove #salvini è secondo alle spalle del talent #amici17. La medaglia di bronzo va a #directioners, mentre appena fuori dal podio si piazza il Movimento 5 Stelle. Il Pd è all’ottavo posto.

Il cinguettio in assoluto che ha ricevuto più like è stato quello di Cristiano Ronaldo che si classifica anche come il tweet più ritwittato della categoria sport.

 

Allargando la panoramica a livello internazionale, nel 2018 il profilo più seguito in tutto il mondo è stato quello dei @bts_twt, band sud coreana icona del KPOP, composta da 7 ragazzi, il cui nome è l’acronimo del coreano BangTan Sonyeondan che si traduce come ‘ragazzi a prova di proiettile’.

Il giorno con più tweet dell’anno è stata la ​domenica 25 febbraio ​in occasione della cerimonia di chiusura delle Olimpiadi invernali​. Mentre le ​GIF pubblicate sono state quasi più di 500 milioni, con una media di 1,6 milioni al giorni vale a dire 100 gif al minuto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali