‘Prima’ è in edicola con il ‘Grande Libro dello Sport’. Mensile e allegato sono disponibili in digitale

Il nuovo numero di ‘Prima Comunicazione’ con l’edizione 2019 del ‘Grande libro dello sport e comunicazione’ . Mensile e allegato sono disponibili da subito anche in edizione digitale, per smartphone e tablet.

 

Scegli l’abbonamento che preferisci:
‘Prima’ edizione cartacea (comprende la preziosa guida Uomini Comunicazione)
‘Prima’ edizione digitale per tablet e smartphone
‘Prima’  offerta combinata carta-digitale
 

La copertina di questo numero di Prima è dedicata a uno dei nuovi protagonisti del mondo del calcio italiano: il presidente della Lega di Serie A Gaetano Miccichè, banchiere, presidente di Banca Imi, che è convinto che il gioco del pallone, se ben gestito, possa diventare molto redditizio valendo già adesso 4 miliardi di fatturato diretto e 15 di indotto. Come? I tanti progetti, che riguardano anche televisione e contenuti autoprodotti, Miccichè li racconta nell’intervista a Prima.

Una copertina dedicata al tema dello sport perché allegato a questo numero esce Il grande libro dello sport e della comunicazione 2019, 380 pagine dedicate alle federazioni sportive, alle aziende che utilizzano gli sport per la loro comunicazione, ai media tradizionali e ai social, alle aziende che gestiscono marketing ed eventi sportivi.

Il numero 499 di Prima poi, come al solito racconta storie di giornalisti, editori, politici, televisioni e comunicatori.
Iniziamo da Open, il progetto di Enrico Mentana per fare un giornale con giovani giornalisti.
Chi sono i meritevoli assunti dopo faticosissime selezioni? Età media trent’anni, sette ragazze e sette ragazzi, pronti ad affrontare una vera avventura, con Mentana che confessa: “È difficile fare il giornalista e l’editore” anche se può contare sulla lunga esperienza di Massimo Corcione, ex capo dello Sport a Sky, che fa il coordinatore della redazione.

Non potevamo non occuparci di Rai. Finalmente ce l’hanno fatta Matteo Salvini e Luigi Di Maio a mettere mano a Viale Mazzini. Non è stato un parto facile per capricci e bizzarrie del committente leghista. Ma l’ad Fabrizio Salini ha tenuto duro per non perdere la faccia. I profili professionali e le storie dietro ai nuovi direttori di rete e tg.

È carta preziosa e molto patinata quella di Vogue che con Emanuele Farneti, successore di Franca Sozzani, ha intrapreso una nuova strada, come ci racconta nei dettagli il direttore.

Siamo andati in Alto Adige per sentire Michl Ebner, ad del gruppo Athesia: 130 anni di vita e quattro quotidiani – Dolomiten, Alto Adige, Trentino e L’Adige – che coprono due regioni. “Tutti i fatti, fino all’ultima frazione dell’ultima valle” è la ricetta dell’editore.

Il video è un portentoso strumento e lo dimostrano i 50mila filmati l’anno che coprono l’attualità italiana ed estera di Vista, l’agenzia fondata da Alexander Jakhnagiev giovane artista, un personaggio anomalo nel panorama informativo, che ha saputo stabilire un inusuale network di collaboratori e di referenti politici.

Molte storie di comunicazione su questo numero di Prima di novembre.
Siamo andati a conoscere uno a uno i portavoce che formano la squadra della comunicazione del governo gialloverde e della Camera e del Senato. Molti giovani cresciuti a pane e social, con una linea politica saldamente in mano agli staff di Di Maio e Salvini.

Una campagna contro la violenza sulle donne – con Bebe Vio come testimonial – cosa c’entra con una digital energy company come Sorgenia? “Sostenibilità e valori condivisi con i clienti” rappresentano il nuovo corso della comunicazione dell’azienda voluta e raccontata dall’ad Gianfilippo Mancini.

Cosa ci fanno i cantanti finalisti di ‘X Factor’ e i loro giovani fan nell’agenzia storica di Intesa Sanpaolo in via Verdi a Milano? È una delle tante idee create per il progetto di sponsorship della banca con ‘X Factor’ per avvicinare i clienti più giovani.

Interessante la strana coppia formata da un comunicatore, Alessandro Beulcke, e un filosofo che si occupa di etica dell’informazione, Luciano Floridi, partner in un progetto per una nuova comunicazione

Il gruppo Enel non si ferma mai: annuncia investimenti per 27,5 miliardi con il nuovo piano industriale 2019-2021, e sul fronte della comunicazione imposta una nuova strategia articolata per canale e per attività del gruppo.

Millenial sempre al centro dell’attenzione: al Forum Wpp/Teh – Ambrosetti si è parlato dell’effetto dei cambiamenti tecnologici sul mercato del lavoro e le conseguenze per l’occupazione delle giovani generazioni che potrebbero avere grandi chance, se si dedicassero a materie scientifiche.

E poi la parte dedicata al Mercato con il nuovo che avanza: le informazioni sul mondo del digitale e la pubblicità al centro di molti interventi allo Iab Forum 2018, dove si confermano leader con il 75% del fatturato i big tech Google, Facebook e Amazon.

Anche gli audiobook stanno conquistando gli italiani con Storytel, la più grande piattaforma europea per lo streaming degli audiolibri, che non a caso è sbarcata nel nostro Paese. Come funziona il loro business?

Una storia di imprenditori tutti italiani, giovani e con buone relazioni quella di Freeda, un prodotto editoriale su Facebook, Instagram e YouTube per le millennial, e video sponsorizzati dalle aziende. Format pensati per lo smartphone.

Con ‘Prima Comunicazione’ esce l’edizione 2019 del ‘Grande Libro dello sport e della comunicazione’
L’edizione 2019 del ‘Grande Libro dello Sport e Comunicazione’, un volume di 380 pagine, è disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale.

Scegli l’abbonamento che preferisci:
‘Prima’ edizione cartacea (comprende la preziosa guida Uomini Comunicazione)
‘Prima’ edizione digitale per tablet e smartphone
‘Prima’  offerta combinata carta-digitale
 

Newsletter (pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali