Il Piccolo di Trieste: dopo il trasloco grave incertezza senza progetti di rilancio

E’ uscito oggi sul Piccolo di Trieste il comunicato sindacale trasmesso qui di seguito.

foto

La sede del Piccolo di Trieste in via Guido Reni

L’assemblea dei redattori denuncia il profondo stato di disagio per la situazione di incertezza che sta vivendo Il Piccolo. In un quadro già difficile della carta stampata, dovuto alla crisi dell’editoria, il quotidiano di Trieste è da mesi lasciato dall’editore Gedi News Network (Gnn) in uno stato di abbandono e di assoluta deriva sia dal punto di vista editoriale, strutturale e sul fronte della direzione.

Dopo un trasloco avvenuto di nascosto e in fretta il 7 ottobre da via Guido Reni (sede di proprietà con storico stabilimento tipografico) a via Mazzini 14 (palazzo delle Generali, ex Motorizzazione civile, tre piani in affitto) , nella settimana prima della Barcolana, a distanza ormai di due mesi, la sede risulta ancora priva di un riscaldamento adeguato, con una ristrutturazione non ancora completata, un archivio inaccessibile e la rete telefonica e informatica inadeguata alle necessità di un quotidiano.

Il trasloco dopo 35 anni di un giornale che fa parte della storia della città è avvenuto in maniera semi-clandestina, senza un’opportuna comunicazione non solo ai suoi lettori ma a tutta la città. Non c ‘è stata una progettazione del trasferimento nella nuova sede all’altezza delle necessità e istanze dei giornalisti che vi lavorano. Molti spazi risultano tuttora abbandonati e inutilizzati. Una situazione di degrado che da anni riguarda anche le redazioni esterne di Gorizia e Monfalcone.

Contemporaneamente dal primo novembre il Piccolo viene stampato a Padova dopo la dismissione dell’impianto tipografico di Gorizia che veniva utilizzato anche dal Messaggero Veneto con gravi e continue ripercussioni sulla distribuzione (locandine sbagliate, ritardi nelle consegne alle edicole)

A tutt’oggi non c’è notizia di una data di inaugurazione e presentazione alla città, le nuove strutture sono precluse e di difficile accesso per i lettori e i cittadini. Non c’è neppure un servizio di accoglienza al pubblico e neppure un centralino degni di questo nome. Gli spazi con le vetrine che dovevano essere dedicati alla città, al piano stradale di via Mazzini, non sono stati allestiti in maniera decorosa e sono ancora chiusi.

Una situazione di abbandono e di grave incertezza, senza alcun progetto di rilancio e promozione, che preoccupa fortemente la redazione già provata da forti piani di tagli e risparmi e che oltre a minare lo spirito dei giornalisti rischia di compromettere il lavoro di racconto dei fatti cittadini e il rapporto stesso con la città in maniera irreversibile.

L’assemblea dei redattori de Il Piccolo dà mandato al Cdr di attuare tutte le misure che ritiene opportune per contrastare questa deriva e per ottenere dall’editore tutte le garanzie necessarie e nel caso contrario di attuare tutte le azioni di protesta previste dal contratto.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali