Al via ‘Lo chiedo anche a te!’ la prima campagna di comunicazione della Fondazione Ieo-Ccm

Ha preso il via la prima campagna di comunicazione della Fondazione Ieo-Ccm ideato dall’art director Luca Stoppini, che da mesi ha coinvolto per ‘Lo chiedo anche a te!’ personaggi provenienti da mondi diversi tra loro (moda, cinema, tv, teatro, arte, design, food, sport) ma uniti da un unico obiettivo, riportare l’attenzione delle persone all’importanza del sostegno alla ricerca in campo oncologico e cardiovascolare. Sono stati 60 i testimonial della campagna che si sono fatti immortalare in bianco e nero dal fotografo Giovanni Gastel.

Partendo dal principio di base che unisce profondamente le due strutture, cioè che la ricerca è un investimento per il futuro di tutti, Fondazione Ieo-Ccm per la prima volta esce allo scoperto con questa campagna, alla quale prendono anche parte, coinvolti sempre da Luca Stoppini, i volti fotografati di operatori ospedalieri e figure istituzionali dello Ieo e del Centro Cardiologico Monzino.

‘Lo chiedo anche a te!’ sarà visibile sugli schermi digitali distribuiti nelle città di Roma, Torino e Bologna e in affissione sui muri di Milano dove sarà presente anche su tutte le pensiline del circuito BikeMi. Declinata anche sul canale web dei principali quotidiani italiani online la campagna prevede, oltre alla diffusione del messaggio attraverso i suoi testimonial, un coinvolgimento diretto della gente tramite il minisito che ospita il progetto www.lochiedoancheate.it: il portale presenterà una modalità di sostegno diretta da parte di tutti e chiederà una partecipazione attiva e complice, invitando gli utenti a diventare anch’essi protagonisti, fotografandosi e pubblicando sul sito i propri volti e diffondendo attraverso tutti i canali social disponibili questo importante messaggio.
Grazie a Yoox il messaggio della campagna sarà ulteriormente diffuso con una cartolina creata ad hoc e inserita all’interno di tutti gli ordini di dicembre.

Il progetto ‘Lo chiedo anche a te’ sarà inoltre sostenuto da un Charity Dinner Gala che si terrà l’11 dicembre presso il Teatro Vetra di Milano: le aziende e le celebrities che acquisteranno un tavolo della cena contribuiranno direttamente alla raccolta fondi per Ieo-Ccm.

Queste le parole di Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Presidente della Fondazione Ieo-Ccm: “Sono felice e orgogliosa di poter dare il via alla prima campagna di comunicazione della Fondazione IEO-CCM. Un grazie di cuore a Giovanni Gastel, che ha messo la sua creatività artistica al servizio di un progetto di grande valore sociale, volto a promuovere la cultura della salute e della ricerca scientifica. Ringrazio tutti i testimonial che hanno prestato il proprio volto a favore del progetto e il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Ieo-Ccm, in particolare il direttore creativo della campagna Luca Stoppini, per aver creduto nella necessità di questa iniziativa. Spero che ‘Lo chiedo anche a te!’ riesca a sensibilizzare un sempre maggior numero di persone sull’importanza della prevenzione e della ricerca scientifica”.

Commenta così la sua preziosa costruzione del progetto l’art director Luca Stoppini: “Sono davvero contento delle immediate risposte e delle adesioni che ho ricevuto dai tantissimi personaggi e medici che ho chiamato a prestare la loro faccia per dimostrare quanto oggi sia importante aiutare la ricerca e la prevenzione. Così come loro hanno scelto di diventare protagonisti e partecipare a questo progetto, ‘Lo chiedo anche a te!’ vuole coinvolgere direttamente e rendere protagonista tutte le persone che la vedranno nelle piazze, sui giornali e soprattutto nel mondo digital della comunicazione. Protagonisti si diventa anche donando il proprio contributo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Rai: Laganà, Usigrai, Fnsi e Odg preoccupati per le parole di Di Maio: a rischio posti di lavoro; volontà di colpire il pluralismo

Open presenta la squadra di redattori: fotoreporter, videomaker, esperti di contenuti verticali e di esteri

Rai, arriva l’infornata di vice direttori dei tg. Presentati anche i piani editoriali