I commenti su Tripadvisor possono costare caro. Caso Iginio Massari: diffamazione aggravata per due autori

Iginio Massari, pasticcere bresciano fondatore dell’ Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani, ha vinto la causa per diffamazione nei confronti di due persone che su Tripadvisor avevano definito “vomitevole” la sua crema pasticcera.

foto da Youtube

Iginio Massari

Secondo quanto riportato da un articolo del Corriere della Sera, appena letto il commento, il pasticcere ha inoltrato il post ai suoi avvocati ed è scattata la denuncia alla Polizia Postale. Il lungo iter legale durato 5 anni ha dato ragione al pasticcere e gli autori del commento  hanno dovuto firmare un bonifico (non è nota la somma) che Massari ha girato ad una onlus benefica.

Quanto avvenuto a Massari farà scuola in ambito giudiziario, poichè secondo quanto riportato nell’articolo 595 del codice penale,  gli autori del post sono stati accusati di diffamazione aggravata: il commento pubblicato era destinato ad un pubblico indefinito (comportando un danno particolarmente grave) e non è stata fornito uno scontrino a prova dell’effettivo consumo dei prodotti del maestro pasticcere.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Annunziata: Rai è un editore, ma un editore pubblico e rappresenta lo Stato; innegabile l’incidente nel caso Fedez

Dazn e LaLiga ancora insieme per i prossimi tre anni: trasmetterà in esclusiva tutte le partite del campionato spagnolo per le stagioni 2021-2024

Dazn e LaLiga ancora insieme per i prossimi tre anni: trasmetterà in esclusiva tutte le partite del campionato spagnolo per le stagioni 2021-2024

Quotidiana sigla una collaborazione con la rivista di geopolitica Eastwest: iniziative editoriali e aperture di edicole in co-branding

Quotidiana sigla una collaborazione con la rivista di geopolitica Eastwest: iniziative editoriali e aperture di edicole in co-branding