Gedi prepara il riposizionamento di m2o e ne affida la direzione artistica ad Albertino

Gedi, gruppo editoriale a cui fanno capo Deejay e Capital, ha deciso di riposizionare m2o,  radio musicale dedicata ai giovani i cui dati di ascolto non  brillano da un po’ (l’ultimo  dato Ter  riporta un milione e mezzo di ascoltatori,  in calo dell’8,7% ).

Albertino (foto uff stampa Gedi)

Albertino (foto uff stampa Gedi)

I dettagli del progetto non sono stati resi ancora noti e non è facile intuirli  dal comunicato diffuso alla stampa. Che parla genericamente di “un progetto unico e trasversale al via nei prossimi mesi, per una radio contemporanea, dinamica, con una spiccata identità, raffinata, aspirazionale, dove riconoscersi come comunità”. Una radio, prosegue la nota, “che anticipa, propone e lancia trend musicali e social, non solo dei grandi dj e produttori ma anche di artisti internazionali e italiani che stanno facendo la storia della musica e del costume.”

A guidare il riposizionamento  di m2o è stato chiamato  Alberto Di Molfetta, meglio noto come Albertino,  che  ne diventa direttore artistico  al posto di Fabrizio Tamburini. Albertino continuerà a collaborare con Radio Deejay , diretta dal fratello Linus, di cui è da sempre un punto di riferimento.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Parte il progetto ‘Nuovo Bauhaus Europeo’. Von der Leyen: abbiamo bisogno di tutte le menti creative, designer, artisti, scienziati…

Parte il progetto ‘Nuovo Bauhaus Europeo’. Von der Leyen: abbiamo bisogno di tutte le menti creative, designer, artisti, scienziati…

Tlc, Di Stefano: Realizzare una società unica della rete è necessario per lo sviluppo digitale. Peccato che Enel esca da Open Fiber

Tlc, Di Stefano: Realizzare una società unica della rete è necessario per lo sviluppo digitale. Peccato che Enel esca da Open Fiber

Social e censura. Giornalisti ed esperti ne parlano domani nell’evento streaming “Come cambiano le piattaforme digitali. Da postini a editori” di Asr

Social e censura. Giornalisti ed esperti ne parlano domani nell’evento streaming “Come cambiano le piattaforme digitali. Da postini a editori” di Asr