Perini Navi, al via campagna adv ‘A style of mind’ sviluppata da TBWA/Italia

On air dal 13 dicembre su tutti i canali di comunicazione, online e offline, la nuova campagna pubblicitaria di Perini Navi, costruttore di yacht a vela e motore sopra i 40 metri di lunghezza. A presentare ai media la nuova campagna, dalla Galleria Glauco Cavaciuti Arte a Milano, il presidente e ceo di Perini Navi Lamberto Tacoli, il vicepresidente Edoardo Tabacchi e Marco Fanfani alla guida di TBWA\Italia che ne ha curato la creatività.

Lamberto Tacoli (al centro) svela insieme a Edoardo Tabacchi (s) e Marco Fanfani (d) la campagna di Perini Navi

All’insegna del payoff ‘A style of mind’ (che “non è uno style of life né uno state of mind”) la campagna gioca sugli apparenti ossimori che contraddistinguono tanto la natura quanto le preferenze di chi sceglie Perini Navi: tradizione e innovazione, tecnologia e design, stile e performance, vela e motore. Ma anche lusso e austerità, stile e informalità. Perché, secondo Perini, “gli opposti coesistono, creando un risultato assolutamente unico”.

La rappresentazione grafica, pertanto, vede una coppia di immagini di forte impatto: due volti, molto diversi tra loro (forse un padre e un figlio), separati da un taglio ma uniti a sottolineare proprio la duplice anima del brand. Perini e Tbwa hanno scelto di non raffigurare un prodotto, una nave, perché, ha spiegato Tacoli, “noi abbiamo la presunzione che chi ci sceglie sappia già che cosa è Perini Navi. Abbiamo voluto uscire dagli schemi soliti della comunicazione di settore” optando per una soluzione che non si trova tutti i giorni sulle riviste di stile e di nautica.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste