La bufala del sito ‘Imps’ per il reddito di cittadinanza: compilati 500 mila moduli? Falso dato non diffuso da Ars Digitalia

Così come riportato da diverse testate, per esempio da questo articolo di Tgcom24, la società di comunicazione Ars Digitalia avrebbe creato un sito, messo online lo scorso marzo, imitando la grafica di quello dell’Inps, con l’intento di ironizzare sulle fake news riguardanti l’aiuto economico previsto dal governo per oltre 5 milioni di italiani. E a cascarci sarebbero stati 500 mila utenti che avrebbero compilato il modulo online con i propri dati sensibili per ottenere il sussidio promesso dal governo. Almeno secondo quanto rimbalzato sulla rete…

Ma è andata proprio così? Contattato da Fanpage il socio e programmatore software di Ars Digitalia, Domenico Neto, ha smentito: “Quel dato non è stato diffuso da noi, il sito ha avuto poco più di 800mila visualizzazioni e il dato indica sostanzialmente gli accessi al portale”.

 

 

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider