Fieg: a novembre -83% per il traffico web illegale. Riffeser: pirateria nemica dell’informazione di qualità

Nel mese di novembre il traffico ‘pirata’ dall’Italia si è ridotto dell’83%. Lo evidenziano i numeri rilasciati dalla Fieg, relativi all’azione di contrasto alla diffusione illecita online dei contenuti editoriali pubblicati dalle 334 testate associate.

Stando ai dati, oltre 122.600 pdf delle testate sono stati rimossi dalle pagine che li ospitavano illecitamente; 2014 sono i siti web pirata identificati; 20 sono i siti web pirata chiusi definitivamente.

Andrea Riffeser Monti (Foto ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

“Questi risultati sono la conferma dell’importanza per il settore di disporre di un programma di antipirateria a tutela dei contenuti editoriali contro le violazioni online del diritto d’autore”, ha detto il presidente Fieg, Andrea Riffeser Monti, commentando i risultati ottenuti grazie al servizio fornito dalla società Muso, nell’ambito dell’accordo di collaborazione con Google, e ribadendo l’impegno della federazione  nel contrasto all’illegalità.

“La pirateria digitale che colpisce i contenuti editoriali, e che oggi provoca sempre maggiori danni attraverso i social, rappresenta uno dei principali nemici dell’informazione libera e di qualità”, ha aggiunto ancora, ricordando che solo con “una efficace protezione del contenuto editoriale e regole di mercato chiare saranno ancora possibili libertà di stampa e pluralismo informativo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini