Open è online . Mentana: giornale aperto 24 ore al giorno, senza pregiudizi e senza tifare né gufare

E’ online da oggi Open (https://www.open.online/), giornale digitale fondato e finanziato da Enrico Mentana, direttore da Massimo Corcione, nato per una fruizione giovane e mobile. 

Nel primo, breve editoriale Mentana riassume motivazioni e obiettivi della sua nuova creatura, un “giornale aperto a tutti”.

La prima home page di Open (18.12.2018)

“Parte oggi il nostro post giornale, aperto al nuovo, alle contaminazioni, aperto 24 ore al giorno, aperto ai contributi e alle critiche”, scrive il popolare giornalista, direttore del Tg La7.

“Era una scommessa e anche una promessa. Far nascere un giornale direttamente sul web: un triplo salto generazionale, per la tecnologia, per l’età di coloro che sono stati scelti per realizzarlo, e per quella di chi vorremmo lo leggesse, insieme a quanti magari giovani non sono più, ma hanno ancora fame di nuova informazione. Un post giornale, aperto al nuovo, alle contaminazioni, aperto 24 ore al giorno, aperto ai contributi e alle critiche. OPEN, appunto”, prosegue Mentana.

“Gratis, e vivendo sulle entrate pubblicitarie. Senza un euro dello Stato, né di aiuti né di provvidenze, in libertà. Senza pregiudizi e senza tifare né gufare. OPEN ha come editore una società senza scopo di lucro. Se grazie a chi lo legge intascherà più soldi di quanti il fondatore ha versato, quegli utili saranno reinvestiti nel giornale, per assumere altri giovani e cercare di migliorare la qualità del prodotto. Da oggi ci proviamo, col vostro aiuto”, conclude il fondatore.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste