La Cbs nega la liquidazione all’ex ceo Les Moonves, travolto dalle accuse di molestie

Les Moonves, l’amministratore delegato di Cbs travolto dalle accuse di molestie sessuali, ha violato le politiche della società e non si è attenuto all’indagine interna condotta. Con questa motivazione l’emittente tv ha messo fine ufficialmente e per giusta causa al contratto con l’ex amministratore delegato, negandogli anche la liquidazione da 120 milioni di dollari.

Lo ha annunciato la stessa Cbs, al termine dell’indagine sulle accuse di molestie che lo avevano coinvolto.

Les Moonves (foto Olycom)

Les Moonves (foto Olycom)

All’inizio dello scorso settembre Moonves aveva lasciato la carica di ceo della Cbs, che ricopriva da 15 anni, proprio a causa delle accuse mossegli da diverse donne, alcune delle quali hanno lamentato anche rappresaglie da parte del top manager per non aver accettato le sue avance.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Privacy, social media come fumo passivo: a rischio anche chi non c’è. E cancellarsi può non bastare

Marco Damilano riorganizza L’Espresso. Qualche uscita, molti nuovi incarichi

Copyright Ue, Fnsi: lo stop un cedimento ai giganti del web. Grave l’atteggiamento del governo italiano