A giugno 2019 l’Italian Tech Week: 4 giorni di eventi dedicati all’imprenditoria digitale

Per quattro giorni, da martedì 25 a venerdì 28 giugno 2019, Camera di Commercio di Torino, Club degli Investitori, Compagnia di Sanpaolo, OGR, Politecnico di Torino, SEI e Università di Torino daranno vita ad un programma di iniziative che coinvolgerà protagonisti italiani ed europei del mondo della tecnologia, della cultura e dell’innovazione quali Baker Hughes-Ge, Cln, Collège des Ingénieurs, ENEL, FabLab Torino, FCA, Fondazione Agnelli, Google, IREN, Istituto Italiano di Tecnologia, Magneti Marelli, Netval, Share Festival, SNAM, Talent Garden, Toolbox, UniCredit e altri.

foto da Wikipedia

Palazzo degli Affari, sede della Camera di Commercio di Torino

L’edizione zero dell’Italian Tech Week, per la quale è stato chiesto il patrocinio del Ministero dello Sviluppo e del Comune di Torino, includerà più di 15 eventi, riporta una nota stampa,tra convegni e seminari per studenti e per professionisti, occasioni di fund raising per le start up, esposizione di tecnologie d’avanguardia, dibattiti aperti al pubblico e incontri con i protagonisti della scena mondiale dell’imprenditoria tech.

Istituzioni pubbliche e aziende private invitano a Torino studenti, imprenditori, insegnanti, gestori di fondi di venture capital, manager, esperti, investitori, professionisti, business angel, startupper e in generale tutti coloro che sono interessati alle tecnologie e alle loro applicazioni per il business e per la società. L’Italian Tech Week arricchisce il panorama italiano dei grandi eventi che si svolgono con cadenza annuale e offre una serie di iniziative di profilo nazionale e internazionale, sia in un’ottica di Business to Business sia per il grande pubblico.

Il programma della Italian Tech Week verrà reso noto nelle prime settimane del nuovo anno all’indirizzo www.italiantechweek.org

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Privacy, social media come fumo passivo: a rischio anche chi non c’è. E cancellarsi può non bastare

Marco Damilano riorganizza L’Espresso. Qualche uscita, molti nuovi incarichi

Copyright Ue, Fnsi: lo stop un cedimento ai giganti del web. Grave l’atteggiamento del governo italiano