Il Papa affida ad Andrea Tornielli la direzione editoriale del Dicastero per la Comunicazione. Andrea Monda direttore Osservatore Romano

Papa Francesco ha nominato Andrea Tornielli, vaticanista della Stampa e responsabile di VaticanInsider, come direttore della direzione editoriale del Dicastero per la comunicazione. Così una nota della sala stampa vaticana. Il Santo Padre ha inoltre nominato Andrea Monda, scrittore e saggista nonché conduttore su Tv2000 della trasmissione “Buongiorno professore”, direttore responsabile dell’Osservatore Romano. Monda succede a Giovanni Maria Vian cui è stato conferito il titolo di direttore emerito.

Nel collage, da destra: Andrea Tornielli (Foto Ansa) e Andrea Monda (Foto da Tv2000.it)

“Le nomine del direttore editoriale e del nuovo direttore dell’Osservatore Romano sono due passi importanti nel processo di riforma dei media vaticani che mi è stato affidato pochi mesi fa dal Santo Padre con la nomina a prefetto del Dicastero della Comunicazione”, ha commentato il prefetto del dicastero, Paolo Ruffini.

Tornielli, ricorda la nota stampa, è stato redattore del mensile 30 Giorni dal 1992 al 1996, dal 1996 al 2011 ha lavorato per Il Giornale, nell’aprile del 2011 è passato alla Stampa. Monda ha lavorato per alcuni anni presso l’ufficio legale dell’Esattoria del Comune di Roma per conto di un Istituto bancario, dal 2000 è docente di religione e da circa un decennio tiene seminari su cristianesimo e letteratura presso le Pontificie Università Lateranense e Gregoriana. Iscritto all’Ordine dei giornalisti, elenco pubblicisti, collabora con la pagina culturale di diverse testate giornalistiche, tra le quali Avvenire, e scrive recensioni per La Civiltà Cattolica.

Come spiega Tornielli in un’intervista a Vaticannews.va “la sfida è valorizzare tutti i media vaticani su ogni tipo di piattaforma”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Privacy, social media come fumo passivo: a rischio anche chi non c’è. E cancellarsi può non bastare

Marco Damilano riorganizza L’Espresso. Qualche uscita, molti nuovi incarichi

Copyright Ue, Fnsi: lo stop un cedimento ai giganti del web. Grave l’atteggiamento del governo italiano