Editoria, Casellati: le istituzioni supportino l’informazione. Voi giornalisti siate sentinelle della verità dei fatti

“Sono e sarò sempre una convinta assertrice del pluralismo e della libertà di stampa e, di conseguenza, anche della necessità di supportare le voci dell’informazione con tutti gli strumenti a disposizione delle Istituzioni”. Ad affermarlo la presidente del Senato Elisabetta Casellati a Palazzo Giustiniani, nel suo discorso alla stampa parlamentare per gli auguri natalizi.

“C’è bisogno di riscoprire anche una narrazione delle cose positive, delle eccellenze: un compito che vede i giornalisti in prima fila”, ha detto ancora, mentre continua da più parti il dibattito sulla volontà del Movimento 5 Stelle di intervenire sul fondo per l’editoria.

Maria Elisabetta Alberti Casellati (Foto
Ansa/Alessandro Di Meo)

“Facendo leva sulle vostre professionalità, sulle vostre competenze, sulla vostra sensibilità, siate le sentinelle della verità dei fatti, i testimoni di tutto ciò che viene detto e viene fatto”, ha aggiunto.

“Nell’epoca dei social network resta fondamentale che vi sia sempre qualcuno – un professionista – in grado di mettere tutti davanti alle responsabilità delle proprie parole e delle proprie azioni”, ha concluso.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il magnetismo ‘green’ di Leonardo Di Caprio nello spot per il lancio della nuova Fiat 500 elettrica

Il magnetismo ‘green’ di Leonardo Di Caprio nello spot per il lancio della nuova Fiat 500 elettrica

Sostenibilità. Accordo tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia. Costa: partner importante per sfide cruciali. Ibarra: anno decisivo

Sostenibilità. Accordo tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia. Costa: partner importante per sfide cruciali. Ibarra: anno decisivo

‘Porta a Porta’ compie 25 anni. Da Vespa un format che ha segnato tv, politica e società. Dalla telefonata di Wojtyla al plastico di Cogne

‘Porta a Porta’ compie 25 anni. Da Vespa un format che ha segnato tv, politica e società. Dalla telefonata di Wojtyla al plastico di Cogne