- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Ruffini: con Monda nuovi progetti all’Osservatore Romano. A Tornielli il compito di coordinare tutti i media vaticani

Riforma “non è imbiancare un po’ le cose, ma organizzarle in altro modo”. Ricorda le parole di Papa Francesco il prefetto del Dicastero per la comunicazione, Paolo Ruffini, in una dichiarazione [1] a commento delle nuove nomine [2] di Andrea Tornielli a direttore editoriale del Dicastero e Andrea Monda a direttore responsabile dell’Osservatore Romano. “Come ha detto il Papa, non bisogna avere paura di questa parola, riforma”.

Paolo Ruffini

“Le nomine del direttore editoriale e del nuovo direttore dell’Osservatore Romano sono due passi importanti nel processo di riforma dei media vaticani che mi è stato affidato pochi mesi fa dal Santo Padre con la nomina a prefetto del Dicastero della comunicazione”.

“Con Andrea Tornielli – spiega Ruffini – la direzione editoriale (cui spetta il compito di coordinare tutti i media vaticani) avrà una guida sicura, autorevole e lungimirante; consapevole sia della grande storia che i media vaticani hanno alle loro spalle, sia del futuro che solo non avendone paura può essere costruito insieme e non subito”.

Mentre “con Andrea Monda l’Osservatore Romano potrà proseguire innestando nuovi progetti nella sua storia secolare”. In particolare, prosegue Ruffini, “la scelta di Andrea Monda come nuovo direttore è una sfida e una risposta all’appello di Papa Francesco a essere Chiesa in uscita, ad avviare processi inediti anche nella comunicazione. Il professor Monda ha saputo comunicare la bellezza del Vangelo e la ricchezza della vita cristiana in ambiti e con linguaggi diversi tra loro: dalla letteratura alla saggistica, dalla musica alla televisione. Come docente di religione Monda conosce bene anche quali sono le esigenze, le preoccupazioni e i sogni dei giovani di oggi. Esperienza di cui sono intessuti i testi per la Via Crucis del 2018 affidati dal Papa proprio a Monda e ai suoi studenti”.