Editoria, Salvini: ogni anno ai giornali 130 milioni di euro. Parte dei contributi potrebbero andare a chi è in difficoltà

Parte dei contributi che oggi il governo eroga ai giornali dovrebbe essere utilizzata per chi è in difficoltà economica. Lo ha detto il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini parlando a ‘Radio Anch’io’ dei tagli all’editoria annunciati dal sottosegretario Crimi. “Nel momento in cui si chiedono sacrifici agli italiani”, ha sottolineato il leader leghista e vicepremier, ci sono “130 milioni di euro dei cittadini che faticano a tirare fino a fine mese che si danno ogni anno ai giornali”.

Matteo Salvini (foto Ansa)

Matteo Salvini (foto Ansa)

“Io spero che abbia lunghissima vita – ha poi aggiunto – ma se Avvenire, tanto per fare un esempio, che è il giornale dei Vescovi, prende 6 milioni di contributi pubblici dai cittadini italiani, penso che una parte di quei soldi possano essere spesi per chi è davvero in difficoltà, o sbaglio?”, ha chiosato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza