Pinterest pensa alla quotazione. Debutto a Wall Street entro aprile 2019

Pinterest si avvia verso la Borsa. Lo sostiene il Wall Street Journal, secondo cui l’Ipo dovrebbe arrivare entro aprile 2019. Per prepararsi all’appuntamento, la società starebbe già trattando con le banche per coinvolgerle e aprire linee di credito, e avrebbe assunto manager nei ruoli chiave necessari per la gestione di una compagnia quotata.

Da anni il social è indicato come una delle società tech papabili per una quotazione, ma i suoi fondatori hanno preferito la strada del consolidamento, anche perchè i momenti di difficoltà non sono mancati.

Ben Silbermann, ceo di Pinterest

A settembre i pins pubblicati sono stati 175 miliardi, il 75% in più rispetto allo stesso mese del 2017, e gli utenti attivi hanno raggiunto il traguardo dei 250 milioni, il 25% in più in un anno. Oltre la metà degli iscritti (e l’80% di quelli nuovi nell’ultimo anno) non è statunitense. Dato non secondario, visto che gli Usa non possono conservare ritmi di crescita elevati.

A giugno Pinterest ha chiuso un round da 150 milioni di euro che l’ha valutata 12,3 miliardi. L’Ipo potrebbe quindi aggirarsi attorno a queste cifre, anche se non è inconsueto uno scarto (ultimamente al ribasso) rispetto alle ultime valutazioni private. L’obiettivo di inizio 2019 potrebbe essere annunciare di aver superato la soglia del miliardo di fatturato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb, dato mensile. A maggio sul podio Corriere, Repubblica e ilMeteo

TOP 100 BRAND ONLINE iscritti ad Audiweb, dato mensile. A maggio sul podio Corriere, Repubblica e ilMeteo

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Fnsi chiede chiarezza sul futuro della Gazzetta del Mezzogiorno: Giornalisti meritano certezze, il sindacato è al loro fianco

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup

Gaetano Miccicchè si è dimesso dal Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup