Di Maio: nella manovra di bilancio tagliati i fondi all’editoria

“Taglio fondi all’editoria, fatto”. Lo ha detto il vicepremier e ministro dello sviluppo economico Luigi Di Maio elencando in un video su Facebook tutte le misure “portate a casa” con la legge di bilancio, oggi al Senato, prima di passare alla Camera per la lettura definitiva.

“Tagliamo i fondi all’editoria”, ha detto il grillino, ricordando “il V2 day del 25 aprile 2008”, quando M5S in piazza aveva chiesto “l’indipendenza della stampa, della funzione sociale importante della stampa e dell’editoria, togliendogli i soldi pubblici in modo che una testata non debba dipendere dall’emendamento di Governo e quindi dalle forze politiche”.

Tra gli altri provvedimenti inseriti nella legge, il vice premier ha ricordato anche lo stanziamento di 1 miliardo e mezzo di euro per il venture capital e il sostegno alle startup innovative.

Proprio ieri, commentando il discorso al Quirinale di Mattarella, Fnsi e Odg erano nuovamente intervenuti sul tema dei fondi, auspicando un intervento del premier Conte che portasse il “governo a fare marcia indietro”, con il ritiro dell’emendamento sul taglio al fondo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager