L’UsigRai: con la legge di Stabilità colpo all’autonomia Rai. Cancellata possibilità di ricavi certi

“I vertici Rai devono far sentire la propria voce. Altrimenti vuol dire che sono complici. La Legge di Stabilità rende definitiva la distrazione del cosiddetto extragettito ad altre finalità”. Lo ha scritto l’esecutivo UsigRai a proposito del testo del maxiemendamento sulla legge di Bilancio, approvato al Senato.

“Si mette così una pietra tombale su quei ricavi, che altro non sono che recupero dell’evasione: quindi soldi che spettavano e spettano alla Rai da anni. E una pietra tombale sul canone come imposta di scopo per il Servizio Pubblico”, ha aggiunto il sindacato dei giornalisti Rai, rimarcando come in questo modo il Servizio Pubblico finisca “in fiscalità generale, quindi cancellando ogni possibilità di ricavi certi, adeguati e di lunga durata, ma soprattutto consegnandolo ancor di più al governo di turno che avrà anno per anno nelle proprie mani l’ossigeno”. “E accettare che 40 milioni di finanziamenti aggiuntivi arrivino da altri capitoli di bilancio, vuol dire accettare questa pericolosa deriva”.

“Il vertice Rai ha il dovere di opporsi. Con durezza. A tutela del patrimonio e dell’autonomia aziendale. Anche perché l’assenza di risorse adeguate e certe mette a rischio la qualità del prodotto e i posti di lavoro”, si legge ancora nella nota.

“Proprio in questi giorni, il Consiglio d’Europa ha raccomandato agli Stati membri di “garantire ai Servizi Pubblici indipendenza, anche con fondi sufficienti e stabili, per assicurare un giornalismo di qualità che conquisti la fiducia del pubblico”.

“A questo punto ancor più decisivo sarà il pronunciamento del Consiglio di Stato sui 3 ricorsi per incostituzionalità sul taglio di 150 milioni deciso del governo Renzi”, conclude l’UsigRai.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, sottosegretario Vacca (M5s): risposta sbagliata a giusto problema. Favorisce i grandi gruppi editoriali a discapito dei piccoli

Copyright, sottosegretario Vacca (M5s): risposta sbagliata a giusto problema. Favorisce i grandi gruppi editoriali a discapito dei piccoli

Cairo Communication: nel 2018 utile a 60,3 milioni, in crescita del 19,5%. Proposto dividendo a 0,14 euro

Cairo Communication: nel 2018 utile a 60,3 milioni, in crescita del 19,5%. Proposto dividendo a 0,14 euro

Lucetta Scaraffia e la redazione di Donne Chiesa Mondo lasciano in blocco l’inserto mensile dell’Osservatore Romano

Lucetta Scaraffia e la redazione di Donne Chiesa Mondo lasciano in blocco l’inserto mensile dell’Osservatore Romano