Quattro milioni di abbonati nel mondo e oltre 100 nuovi giornalisti. Il 2018 del NYT

Tempo di bilanci per il New York Times. Avvicinandosi la fine dell’anno, il quotidiano della Grande Mela ha deciso di raccontarsi attraverso le cifre che hanno scandito gli ultimi mesi della testata. A cominciare dai lettori. Nel 2018 sono in tutto 4 milioni gli abbonati ai prodotti editoriali, disseminati tra 200 paesi e territori. Un numero non indifferente, celebrato dallo stesso giornale come una pietra miliare, che – in un periodo storico di particolari pressioni politiche ed economiche – ha consentito all’editrice di fare investimenti “senza precedenti” nella redazione.

La sede del New York Times (foto Primaonline.it)

Oggi sono in tutto 1550 i giornalisti che lavorano per il quotidiano, tra i quali più di 100 sono stati assunti nel 2018. Oltre alle 15 redazioni in America, nel mondo sono 31 le sedi attive, per le quali lavorano più di 200 reporter.
Oltre 160 i paesi del mondo da cui provengono le storie raccontate, pubblicate in 11 lingue, incluso inglese, cinese, spagnolo, tedesco, francese, coreano, italiano, giapponese, portoghese, russo e arabo.
E per pubblicare 55.000 articoli, sono state usate più di 50 milioni di parole.

La compagnia ha anche iniziato a esplorare le possibilità di impiego dell’intelligenza artificiale nel giornalismo, sviluppando 13 funzioni. Mentre agli eventi live è stata registrata la partecipazione di 87mila persone.

Passando in rassegna i numeri, spiccano anche le 34 menzioni conteggiate su Twitter attribuite a quello che viene definito un”fedele lettore della Casa Bianca”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati Generali dell’editoria, Roma 25 marzo. ECCO IL PROGRAMMA: con Conte e Crimi gli interventi di Fieg, Fnsi, Upa, Odg, Anso e Uspi

Il Team Sky diventa Ineos a partire dal 1° maggio. Debutto al Tour dello Yorkshire

Chiude la redazione di Roma del Giornale