Vaticano: dimissioni per Burke e García Ovejero, portavoce della Sala Stampa. A Gisotti l’interim della direzione

Cambio alla guida della Sala Stampa della Santa Sede. Papa Francesco ha accettato la rinuncia del direttore e del vice direttore, Greg Burke e Paloma García Ovejero, e ha nominato direttore ad interim Alessandro Gisotti, finora coordinatore dei Social Media del Dicastero per la Comunicazione.

La nomina di Gisotti, alle spalle una lunga esperienza a Radio Vaticana, segue di pochi giorni quelle di Andrea Tornielli come nuovo direttore editoriale dei media vaticani e di Andrea Monda come nuovo direttore dell’Osservatore Romano, completando di fatto una vera e propria “rivoluzione” nella comunicazione della Santa Sede.

Papa Francesco con Greg Burke e Paloma Garcia Ovejero (foto Ansa)

Entrato in Vaticano nel 2012, come consulente della Segreteria di Stato per la comunicazione, Burke nel febbraio 2016 era stato nominato vicedirettore della Sala Stampa, al posto di padre Ciro Benedettini, per poi assumerne la direzione nel luglio successivo, al posto di padre Federico Lombardi.

“Paloma ed io abbiamo rassegnato le dimissioni, in vigore dal 1/o gennaio. In questo momento di transizione nelle comunicazioni vaticane, pensiamo che sia meglio che il Santo Padre sia completamente libero di riunire una nuova squadra”, ha twittato Burke ringraziando papa Francesco.

Tweet di ringraziamento e saluto anche da Paloma Garcia Ovejero: “Termina una tappa. Grazie, Santo Padre, per questi due anni e mezzo! Grazie, Greg, per la tua fiducia, la tua pazienza e il tuo esempio”.

 

“Ho appreso della decisione di Greg Burke e Paloma García Ovejero. E della accettazione da parte di Papa Francesco delle loro dimissioni. In questi pochi mesi di lavoro insieme ho potuto apprezzare la loro professionalità, la loro umanità, la loro fede. Li ringrazio dunque della dedizione con cui hanno svolto sin qui il loro lavoro”, il commento di Paolo Ruffini, prefetto del Dicastero vaticano per la comunicazione. “Greg e Paloma (per questo compito indicati dal mio predecessore, mons. Dario Edoardo Viganò) sono stati il primo direttore e la prima vice direttrice della Sala Stampa dopo l’avvio della riforma del sistema della comunicazione della Santa Sede decisa dal Santo Padre”. “Il loro significativo impegno ha contribuito al cammino di riforma che oggi – secondo loro stessi – per essere portato a compimento richiede un veloce passaggio di testimone, nello spirito di servizio alla Chiesa che tutti ci accomuna”, ha aggiunto Ruffini. “È proprio con questo spirito di servizio e di fedeltà al Santo Padre che io stesso porterò avanti il complesso cammino di tale importante riforma. L’anno che ci si apre davanti è denso di appuntamenti importanti che richiedono il massimo sforzo di comunicazione. Ho piena fiducia che Alessandro Gisotti, sino ad ora Coordinatore dei social media del Dicastero per la Comunicazione e già vice-caporedattore alla Radio Vaticana, saprà guidare ad interim la Sala Stampa, in attesa che ne sia definito al più presto il nuovo assetto”.

Alessandro Gisotti

“Ringrazio il Santo Padre per la fiducia accordatami in un momento così delicato per la comunicazione della Santa Sede. Mi sono messo a piena disposizione del prefetto Paolo Ruffini”. E’ la prima dichiarazione di Alessandro Gisotti. “A Greg Burke e Paloma G. Ovejero mi lega un rapporto di stima e amicizia. Mi unisco al prefetto nel ringraziarli per il lavoro svolto negli ultimi due anni e mezzo alla direzione della Sala Stampa”. “Cercherò di adempiere all’incarico affidatomi al meglio delle mie capacità, con quello spirito di servizio alla Chiesa e al Papa che ho avuto il privilegio di imparare stando accanto a padre Federico Lombardi per quasi 20 anni”. “So bene che il mio incarico, per quanto ad interim, è particolarmente impegnativo – conclude – ma sono confortato dal conoscere il grande valore dei miei colleghi della Sala Stampa di cui in tante occasioni ho potuto apprezzare la professionalità e dedizione”, ha concluso.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs: utile netto 2018 in crescita a 85,2 milioni; dal digitale il 16,7% dei ricavi. Dopo 10 anni torna al dividendo

Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per la vita di Radio Radicale

Mediaset, Ps Berlusconi: dobbiamo cambiare passo, espandersi all’estero per crescere ancora