Il nuovo Investire in edicola con un sondaggio: gli italiani temono la crisi e il 56,8% risparmierà di più nel 2019

Esce con un’intervista a Matteo Salvini, che racconta di essere un “investitore prudente” e che “per gestire i risparmi si affida alle Generali”, il nuovo Investire, mensile specializzato sui temi del risparmio e della finanza, tornato in edicola rinnovato e potenziato, e che dall’8 gennaio sarà acquistabile anche con Libero a 4 euro. E’ l’inizio di una collaborazione tra il mensile edito da Economy srl e il quotidiano degli Angelucci che ogni sabato, a partire dal 12 gennaio, pubblicherà una nuova pagina, ’Libero risparmio’, realizzata in collaborazione con Investire, che arricchirà l’informazione economica del quotidiano con firme e contenuti aggiuntivi legati ai temi trattati dal mensile.

La copertina di Investire

Il primo numero del nuovo corso di Investire si presenta ai lettori con un sondaggio esclusivo realizzato dalla Makno-Rsm sul timore che hanno gli italiani della crisi economica e come si preparano ad affrontarla risparmiando ancora di più: il 56,8% degli italiani infatti programma per il 2019 di risparmiare rispetto al 2018, cioè una percentuale del proprio reddito superiore al 10% (69% delle risposte), e il 22,2% si prepara a risparmiare ancora di più di quanto fatto nel 2018 per timore che l’economia peggiori e il reddito possa in futuro diminuire. Un altro dato interessante è che il 71% degli interpellati pensa di saperne “abbastanza” o addirittura “molto” in materia di investimenti, economia e finanza, anche se nella realtà in molti casi questa convinzione non è sostenuta da competenze vere. E su questo target punta Investire per allargare il proprio lettorato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fox Corp: debutta in borsa la nuova società dei Murdoch. Nel Cda anche l’ex speaker della Camera Usa Ryan, e il presidente di F1 Carey

19 marzo Angela doppia Bisio e Siani e Le Iene. Floris non stacca Berlinguer

Google modifica Android e il servizio shopping per rispondere alle richieste dell’Antitrust Ue