Barbara Berlusconi sceglie il ‘Fatto’ per commentare la Supercoppa in Arabia Saudita: non doveva essere organizzata lì; tutti i governi occidentali…

Barbara Berlusconi, ex amministratore delegato e vicepresidente  del Milan, ha scelto il quotidiano diretto da Marco Travaglio per commentare la scelta di far giocare la finale di Supercoppa tra Juventus e Milan in Arabia Saudita.

La lettera di Barbara Berlusconi  al Fatto Quotidiano – 5 gennaio 2019 

Gentile direttore, da donna penso che questa partita non doveva essere organizzata in un Paese in cui non c ‘ è rispetto per la condizione femminile. La storia però ci ha insegnato, penso alle Olimpiadi, che boicottare eventi sportivi oramai previsti non è stato mai utile. Per questo ritengo che la partita possa essere un ‘ occasione per accendere un faro ulteriore su quello che accade in molti Paesi islamici e che possa essere di aiuto anche per iniziare ad abbattere tradizioni e divieti non più tollerabili. Certo, stupisce vedere che quasi tutti i governi occidentali fanno finta di non vedere ciò che regolarmente accade sul tema dei diritti civili, non solo femminili. Questi stessi Stati occidentali sviluppano regolari relazioni commerciali con chi invece andrebbe sanzionato per i propri comportamenti. Solo al calcio, invece, è assegnato da sempre il compito di salvare il mondo. In questo trovo molta ipocrisia. Un cordiale saluto. *

Ex amministratore delegato e vicepresidente Ac Milan

Per il Fatto ‘risponde’ Antonio Padellaro il 7 gennaio 2018 

GENTILE BARBARA, nella sua lettera la parola chiave è “ipocrisia” . Un antico flagello che nel nostro impagabile Paese ha trovato il terreno giusto per infestare con la sua utile doppiezza qualsiasi causa buona e giusta. E se davvero al calcio è stato assegnato il compito di salvare il mondo, beh di peggio, al mondo, non poteva capitare. Parafrasando (indegnamente) Papa Francesco che ha detto ” meglio atei che cristiani ipocriti ” , vorrei proporre un slogan che dovrebbe adornare i palazzi del calcio: meglio avidi che ipocriti. Esemplare è appunto quanto sta per accadere a Jeddah, in Arabia Saudita con la disputa, il 16 gennaio, della finale della Supercoppa italiana tra Juventus e Milan. A cui, come tutti sanno, le donne potranno assistere solo in settori familiari divise dagli uomini. A questa discriminazione ha fatto da degno pendant un comunicato della Lega Serie A, firmato e sottoscritto dal presidente Gaetano Miccichè. Un capolavoro di tartufaggine pallonara di cui ci duole estrapolare appena un paio di passaggi. Il primo: ” Il caso Khashoggi, avvenuto lo scorso ottobre, dunque mesi dopo la definizione dell ‘ accordo,ha posto la scelta dell ‘ Arabia Saudita sotto i riflettori e doverosamente la Lega Serie A si è interrogata su cosa fosse giusto fare ” . Fantastico. Un giornalista viene assassinato nella sede diplomatica araba a Istanbul e il sinedrio della Serie A dopo essersi ” interrogato ” , chissà, sulle modalità dell ‘ esecuzione e se il corpo del poveretto sia stato tagliato a pezzi oppure sciolto nell’acido, decide con innegabile pragmatismo che cosa fatta capo ha. Essendo l ‘ inconveniente successivo all’accordo definito e, probabilmente, all ‘ emolumento incamerato (sette milioni di euro). Esemplare dimostrazione di altruismo e sensibilità umana che tuttavia nulla ha a che vedere con la discriminazione della donna e con la violazione dei diritti umani in quei Paesi, seccature di sicuro antecedenti alla nascita del gioco del calcio. Ecco però che nel periodo successivo la verità vera comincia a completarsi. ” Il calcio fa parte del sistema culturale ed economico italiano e non può avere logiche,soprattutto nelle relazioni internazionali, diverse da quelle del Paese a cui appartiene ” (mah). E ancora: ” L ‘ ArabiaSaudita è il maggior partner commerciale italiano nell ‘ area mediorientale grazie a decine di importanti aziende italiane che esportano e operano in loco ” , ecc ecc. Il Miccichè pensiero non fa una grinza: tagliare a pezzi o sciogliere nell ‘ acido i giornalisti non si fa, ed è innegabile che le donne laggiù non sono trattate benissimo; ma chi siamo noi per interferire nelle ” relazioni internazionali dell ‘ Italia ” , e per rifiutare un assegno piuttosto cicciotto? Insomma, businessis business: applicato ai diritti delle donne un ragionamento da voltastomaco che ha il pregio della sincerità. E che rende non più tollerabili le pagliacciate ” in difesa della donna ” a cui frequentemente assistiamo: il segnodi rossetto sulle guance di giocatori e allenatori che sfilano in tv, o gli striscioni con frasi edificanti sbandierati in campo nella disattenzione generale. No, gentile Barbara, al calcio non viene chiesto di salvare il mondo ma gli incassi sì. E quindi mi permetto di proporre a lei, a Cristiana Capotondi da poco vicepresidente della Lega Pro, al ct della nazionale femminile Milena Bertolini e a tutte le donne che vivono questo sport con passione e impegno, di condividere una piccola variante nelle sacrosante manifestazioni a sostegno della dignità femminile. Che la prossima volta siano i presidenti a sfilare davanti alle telecamere con il segno di rossetto sulla guancia. E sia una bella ” e ” . Come euro.
Antonio Padellaro –

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Boom su Canale5 per Temptation Island, con più di 3,5 milioni di spettatori. Nel pomeriggio bene diretta olimpica su Rai2

Boom su Canale5 per Temptation Island, con più di 3,5 milioni di spettatori. Nel pomeriggio bene diretta olimpica su Rai2

Maximo Ibarra si dimette da ceo Kpn

Maximo Ibarra si dimette da ceo Kpn

Accordo Aie-Abi per promuovere il dialogo tra editoria libraria, banche e intermediari finanziari

Accordo Aie-Abi per promuovere il dialogo tra editoria libraria, banche e intermediari finanziari