Discovery Italia, nel 2018 terzo editore tv (6,8% share). Record per Fratelli di Crozza e Bake Off Italia. Araimo: Nove scala posizioni

E’ stato l’anno delle grandi turbolenze politiche ed elettorali, il 2018, con le elezioni a marzo, e il lunghissimo periodo di polemiche e problemi che è seguito prima di trovare una quadra, e l’accordo che ha portato al governo gialloverde guidato da Giuseppe Conte. E poi è stato pure l’anno dello spread, della riaccensione delle preoccupazioni sull’economia, fattori ‘straordinari’ che indubbiamente hanno finito per avvantaggiare un po’ gli orientamenti editoriali de La7 e della Rai. E’ stato pure l’anno dei Mondiali di calcio senza la nostra Nazionale, ma con la manifestazione in Russia che tra giugno e luglio ha comunque molto attratto il pubblico italiano e dato una bella spinta alle performance di Mediaset. E’ stato l’anno, inoltre, delle inattese prestazioni televisive del volley azzurro: prima di quello maschile e poi di quello femminile, in avvio di autunno. E’ stato anche l’anno del crollo del ponte Morandi e dei tanti disastri idrogeologici.

Ebbene è in questo contesto ‘storico’ decisamente particolare, anche per quello che riguarda le dinamiche con cui si muovono le audience, che Discovery Italia ha chiuso il 18 confermando la terza posizione con il 6,8% share nelle 24 ore sul pubblico totale, che sale al 9,1% sul target commerciale 25-54 e raggiunge il 9,3% sui millennial.

Alessandro Araimo

Un’analisi generica della graduatoria delle best performance dei programmi del gruppo da bene l’idea di cosa abbia funzionato meglio. E’ indubbiamente positivo, ad esempio, il bilancio dell’operazione Maurizio Crozza sul Nove. In cima alla top ten calcolata sulla media stagionale di ciascun programma, svettano infatti la versione autunnale  (1,276milioni di spettatori ed il 5,4% di share) e quella primaverile di ‘Fratelli di Crozza’ (1,232 milioni di spettatori ed il 5%). Il comico ligure si è calato facilmente nel clima sociopolitico che stiamo vivendo regalando molte perle, nuovi personaggi e grandi intuzioni. Non ha sofferto, ma anzi ha cavalcato la mobilitazione politica ed emotiva permanente. Altra operazione vincente del gruppo, questa più nel segno della tradizione, il risultato spuntato da ‘Bake Off’ e ‘Junior Bake Off’, ai primissimi posti della classifica. Il programma condotto da Benedetta Parodi, giunto alla sesta edizione, registra una media di 808.000 telespettatori con il 3,4% di share sul pubblico totale, che sale al 6,2% sulle donne 15-54 e fa di Real Time il 3° canale scelto da questo target durante la messa in onda.

La top ten Discovery dice pure come sia indovinato l’inserimento in squadra di Antonino Cannavacciuolo (‘Cucine da incubo’ e ‘O’ mare mio’) e come sia percepito come coerente anche l’impegno del gruppo su un certo tipo d’informazione (‘Accordi e disaccordi’ al decismo posto). I contenuti LOFT, sono tutti in crescita: oltre che “Accordi e Disaccordi” (566.000 telespettatori e 3,4% share per la puntata più vista) funzionano bene anche “La Confessione” (567.000 telespettatori e 3% share per la puntata più vista), e “Belve” (322.000 telespettatori e 1,7% share per la puntata più vista).

Il venerdì sera, presidiato da Crozza ma anche dalla Parodi, è il momento in cui il portfolio Discovery raggiunge l’8,8% di share in prima serata sul totale individui, che sale al 10,6% sul target commerciale 25-54 anni.

“Chiudiamo un eccellente 2018, ancor più positivo se si considera il contesto estremamente complesso e sempre più competitivo”, commenta Alessandro Araimo, Amministratore Delegato Discovery Italia, “per il sesto anno consecutivo abbiamo confermato la nostra posizione di terzo editore televisivo per share. E lo abbiamo fatto in particolare grazie al rafforzamento del NOVE – nono canale nazionale che guadagna ben 3 posizioni in classifica rispetto al 2017 – alla crescita della prima serata, in particolare con il ‘Big Friday’ che porta il portfolio vicino all’11% sul target commerciale, e al consolidamento dell’intera offerta Discovery, con una rilevanza sempre maggiore sia sul pubblico femminile – con Food Network che si è affiancato a Real Time e Giallo – sia su quello maschile, con il soprendente Motor Trend accanto a DMAX, Eurosport e all’intero pacchetto pay. Senza dimenticare il grande successo dei canali kids e dei nostri servizi Ott Dplay e Eurosport Player che stanno aumentando constantemente il loro numero di users e abbonati”.

Nelle 24 ore NOVE raggiunge il 9° posto nella classifica dei canali nazionali – guadagnando ben 3 posizioni rispetto all’anno scorso – con l’1,4% di share che sale al 2% sul target commerciale 25-54 (+6% rispetto allo scorso anno).
Una nota del gruppo offre  altre indicazioni. REAL TIME si attesta al settimo posto sul target di riferimento (donne 15-54 anni) con il 2,6% di share. DMAX e Motor Trend, il nuovo canale dedicato ai motori che si è acceso lo scorso 29 aprile, raggiungono il 3,1% share sugli uomini 25-54. Su DMAX continuano i successi d’ascolto per la Nazionale italiana di Rugby, con le partite del Six Nations che sfiorano il 2,5% di share (oltre 428.000 telespettatori) e i Test Match che superano del 10% i risultati dello scorso anno.

GIALLO è allo 0,8% share sul pubblico totale nelle 24 ore e raggiunge l’1% sul pubblico femminile 25-64 anni. Performance eccezionale per “L’ISPETTORE BARNABY”, la 20esima stagione in prima TV assoluta ha raggiunto un picco di 518.000 telespettatori e il 2,3% share, che ha fatto registrare il miglior risultato di sempre in share in prime time del canale.

Food Network, che ha inaugurato a settembre il nuovo corso nel gruppo Discovery, ha già raggiunto lo 0,6% sul target commerciale 25-54 anni. Performance record anche per i canali K2 e Frisbee nel 2018, anno in cui Discovery è risultato l’unico editore kids in crescita sui 4-14 anni (con l’8,8% share, +5% rispetto allo scorso anno). Sul target 4-10 anni K2 e Frisbee superano l’11% di share (+8% anno su anno).

Grandi soddisfazioni anche dal portfolio pay, su Eurosport l’evento più visto è stato la storica semifinale di Marco Cecchinato al Roland Garros nel 2018 (434.000 spettatori con il 3,1% share, 13,5% share pay). Molto positiva la prima stagione della SERIE A di basket (2017-18) le cui fasi finali hanno registrato una media di oltre 60.000 spettatori.
Conferme anche per Discovery Channel che mantiene la leadership dell’area 400 di Sky.

Sul fronte digital proseguono gli ottimi risultati di Dplay con 2,8 milioni di utenti unici al mese e più di 70milioni di visualizzazioni all’anno, con un incremento del +16% del tempo speso. Ogni mese, inoltre, sono più di 3,5 milioni gli utenti attivi su Facebook, con Real Time che si conferma come il canale d’intrattenimento con la community più ampia in assoluto (oltre 2,3 milioni di fan).

I PIU’ VISTI DEL 2018 (media di stagione)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco i vincitori del Premiolino, che da quest’anno ha un nuovo sponsor: BMW Italia insieme a SpecialMente

Ecco i vincitori del Premiolino, che da quest’anno ha un nuovo sponsor: BMW Italia insieme a SpecialMente

Milano-Cortina 2026: quanto valgono le Olimpiadi? Ricadute sul Pil per 2,3 miliardi, costi a 1,3

Milano-Cortina 2026: quanto valgono le Olimpiadi? Ricadute sul Pil per 2,3 miliardi, costi a 1,3

Smentita dall’ad di A2a Camerano: mai ricevuto offerte da Sky

Smentita dall’ad di A2a Camerano: mai ricevuto offerte da Sky