Brexit, Discovery trasferisce ad Amsterdam la sede dei canali pay

Come conseguenza della Brexit il gruppo Discovery ha deciso di traferire l’headquarter europeo dei canali pay in Olanda dove ha già avuto sede dal 1989. E’ quanto riferisce il quotidiano online Broadbandtvnews.com. “Questa decisione assicurerebbe continuità operativa sul territorio europeo e permetterebbe di creare nuove figure professionali ad Amsterdam dove peraltro potranno anche trasferirsi alcuni dipendenti di Londra”, scrive il gruppo in una nota.

Jean-Briac Perrette, presidente di Discovery Networks International

Jean-Briac Perrette, presidente di Discovery Networks International

JB Perrette, presidente e ceo di Discovery International precisa che “il governo olandese e le autorità di regolamentazione sono stati ottimi partner nel processo di trasferimento del nostro portfolio europeo di canali pay”.

“Discovery continua a mantenere un importante centro operativo nel Regno Unito ed ha rinnovato il proprio contratto di locazione per la sua sede principale, ad Ovest di Londra, la quale ospita più di mille dipendenti”, aggiunge il broadcaster. “Discovery continua a controllare le licenze britanniche dei suoi 16 canali trasmessi nel paese e detiene una partecipazione in UKTV, All3 Media Group e Play Sports Group”.

La decisione presa da Discovery , spiega Broadbandtvnews.com, si inserisce nel solco di altri broadcaster internazionali, tra cui Turner Broadcasting System e NBC Universal. La BBC ha invece avviato delle trattative con il governo irlandese e con quello olandese per l’ottenimento della licenza che permetta di ampliare i propri servizi. WarnerMedia risulta essere impegnata con il governo tedesco, mentre Sony Pictures Television è alla ricerca di una nuova modalità di trasmissione dei suoi canali europei. Viacom International Media Networks ha ottenuto delle licenze per la trasmissione di un bouquet di canali televisivi destinati a Francia e Danimarca.

Discovery Benelux (foto officesnapshots.com)

Discovery Benelux (foto officesnapshots.com)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

‘La buona gara’: ecco il libro di UPA e UNA. Sassoli e Nenna per il “salto culturale”

‘La buona gara’: ecco il libro di UPA e UNA. Sassoli e Nenna per il “salto culturale”

Sala, Publitalia: migliora il conto economico Mediaset, buona raccolta adv; puntiamo su esclusiva free del grande calcio europeo

Sala, Publitalia: migliora il conto economico Mediaset, buona raccolta adv; puntiamo su esclusiva free del grande calcio europeo

Mashable Italia online dal 23 settembre. Prima versione non inglese del sito di cultura digitale, partneship Gedi e Ziff Davis

Mashable Italia online dal 23 settembre. Prima versione non inglese del sito di cultura digitale, partneship Gedi e Ziff Davis