‘Tiki Taka’ conquista Canale 5. Dopo sei anni su Italia 1 il programma condotto da Pardo si unisce a ‘Pressing’

‘Tiki Taka’ conquista la domenica di Canale 5. Dopo sei anni e 195 puntate su Italia 1, il programma di intrattenimento curato dalla testata SportMediaset, diretta da Alberto Brandi, con la ripresa del campionato si “incontrerà” con “Pressing” dando vita a una seconda serata che unirà cronaca e attualità a critica e approfondimento.

Il talk show sportivo condotto da Pierluigi Pardo negli anni si è confermato, sia in termini di ascolto sia di rilevanza sui social, come il più seguito e chiacchierato in Italia e, da domenica 20 gennaio, traslocherà sulla rete ammiraglia con l’obiettivo di rimanere il punto di riferimento per tutti gli appassionati di calcio e non solo.

Per farlo, da un lato manterrà lo spirito critico e di approfondimento che l’ha sempre contraddistinto, dall’altro darà ampio spazio all’attualità, assicurando a tutti i telespettatori una sintesi accurata del turno di campionato, con tutti i gol e gli highlights dei match di Serie A, la moviola, i collegamenti con i campi e i commenti dei protagonisti.

Il tutto raccontato con il ritmo e la simpatia di Pierluigi Pardo, affiancato dalla vulcanica Wanda Nara, moglie e procuratrice di Mauro Icardi. Ospiti fissi in studio Giampiero Mughini e Ciro Ferrara, ma, come sempre, il salotto di Tiki Taka sarà aperto anche a tifosi vip e giornalisti non sportivi che prenderanno parte al dibattito sul weekend di campionato.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Boom su Canale5 per Temptation Island, con più di 3,5 milioni di spettatori. Nel pomeriggio bene diretta olimpica su Rai2

Boom su Canale5 per Temptation Island, con più di 3,5 milioni di spettatori. Nel pomeriggio bene diretta olimpica su Rai2

Maximo Ibarra si dimette da ceo Kpn

Maximo Ibarra si dimette da ceo Kpn

Accordo Aie-Abi per promuovere il dialogo tra editoria libraria, banche e intermediari finanziari

Accordo Aie-Abi per promuovere il dialogo tra editoria libraria, banche e intermediari finanziari