I social possono diventare una dipendenza come la droga. Attenzione all’uso eccessivo e disadattivo di queste piattaforme

L’uso eccessivo dei social media è comparabile alla dipendenza da droga. A dirlo è uno studio pubblicato sul Journal of Behavioral Addictions, che ha evidenziato una correlazione tra l’utilizzo dei social e la compromissione del processo decisionale, che è di norma carente nelle persone tossicodipendenti.

(CC0 Creative Commons)

Gli studiosi dell’università del Michigan hanno misurato la dipendenza psicologica da Facebook di 71 persone. I partecipanti sono quindi stati sottoposti all’Iowa Gambling Task, un test psicologico basato sul gioco d’azzardo che serve a osservare i meccanismi decisionali. Dal test è emerso che a prendere le decisioni peggiori sono state le persone che eccedono nell’uso dei social.

La correlazione tra decisioni sbagliate e dipendenza da social è risultata analoga a quella, già nota, tra cattive decisioni e la dipendenza da oppioidi, cocaina, metanfetamine e altre droghe. “Circa un terzo degli abitanti del pianeta utilizza i social media, e alcune di queste persone mostrano un uso eccessivo e disadattivo di queste piattaforme”, osserva il professor Dar Meshi, autore principale dello studio.

“Credo che i social portino enormi benefici, ma c’è anche un lato oscuro quando le persone non riescono a staccarsene. Dobbiamo capire meglio questa spinta, così da determinare se l’uso eccessivo dei social media dovrebbe essere considerato una dipendenza”. (Gazzettadelsud)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Boom su Canale5 per Temptation Island, con più di 3,5 milioni di spettatori. Nel pomeriggio bene diretta olimpica su Rai2

Boom su Canale5 per Temptation Island, con più di 3,5 milioni di spettatori. Nel pomeriggio bene diretta olimpica su Rai2

Maximo Ibarra si dimette da ceo Kpn

Maximo Ibarra si dimette da ceo Kpn

Accordo Aie-Abi per promuovere il dialogo tra editoria libraria, banche e intermediari finanziari

Accordo Aie-Abi per promuovere il dialogo tra editoria libraria, banche e intermediari finanziari