Sui siti Hearst Italia i video pubblicitari gestiti da Teads

Sui magazine online dell’editrice  Hearst Italia arrivano i video pubblicitari gestiti da Teads.

Si tratta, spiega una nota stampa, dei video pubblicitari che compaiono in modo autonomo all’interno dei testi degli articoli, senza essere inseriti in un flusso video (instream) dell’editore, come avviene invece nel caso di preroll o postroll, collocati all’inizio o alla fine di una clip.

Hearst – che pubblica Elle, Marie Claire, Esquire, Cosmopolitan, Elle Decor, Marie Claire Maison, Gente – adotterà i formati di Teads  con l’obiettivo di incrementare le revenue provenienti dai video pubblicitari e dal display advertising.

Da qualche anno a questa parte, prosegue la nota, Hearst ha scelto di compiere investimenti massicci sul canale digitale con elle.it, marieclaire.it, cosmopolitan.it, elledecor.it, esquire.it tra i principali siti nel panorama web italiano. Nel 2017, con Hearst Digital, la struttura digitale per i brand del gruppo, ha rafforzato la strategia con content team dedicati al digitale. Inoltre, la grande capacità di presidio del mondo fashion e luxury ha permesso la nascita di “Elle Network”, che vede la presenza di marchi di grande prestigio in partnership con Hearst Italia.

Corinna Marrone Lisignoli, publisher director di Teads Italia, ha dichiarato: “Poter annoverare tra i propri partner in esclusiva un publisher del calibro di Hearst è un privilegio che solo pochi player al mondo hanno. Teads, negli ultimi 12 mesi, si è impegnata – da un lato – a costruire e consolidare un’offerta innovativa,  grazie ad accordi con gli editori più prestigiosi di ogni segmento. Dall’altro, ha messo questi stessi editori nelle condizioni di essere più competitivi rispetto ai cosiddetti over the top, senza però trascurare la user experience. E questa sarà la nostra strategia anche per il 2019.”

Giacomo Moletto, ceo Hearst Italia e western europe, ha commentato: “La collaborazione con Teads ci sta a cuore per due ragioni: dal punto di vista degli utenti garantisce un’esperienza di qualità sugli smartphone, fornendo contenuti pubblicitari che arricchiscono la navigazione e l’ingaggio; da quello degli inserzionisti offre un contesto di fruizione sicuro, all’altezza delle loro aspettative, con certificazione di viewability, la metrica digitale standard per misurare il tasso di effettiva visualizzabilità di un annuncio. Una soluzione vincente per le nostre testate e per i marchi degli investitori”.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Publicis Groupe lancia in Italia la unit Publicis Spine dedicata ai dati sul consumatore. Alla guida Alessio Fattore

Verizon Ads SDK, nuovo strumento a disposizione degli editori per monetizzare i contenuti via app

Roberto Liscia confermato presidente Netcomm