Tim Cook firma un editoriale sul Time: “tutti meritano la privacy online, gettare luce su chi utilizza i dati dietro le quinte”

“Tutti meritano la privacy online”. Lo afferma Tim Cook, l’amministratore delegato di Apple, in un editoriale su Time. Secondo Cook il problema si può risolvere: “non è troppo grande o troppo alto” e per questo “chiedo al Congresso di approvare un’ampia riforma federale delle regole sulla privacy”.

Tim Cook (Foto Ansa-EPA/JUSTIN LANE)

Cook ritiene che le autorità americane dovrebbero concedere ai consumatori di diritto di sapere dove sono i loro dati e soprattutto quello di cancellarli su richiesta in modo facile e veloce. “Una riforma ampia delle norme sulla privacy non deve solo puntare a concedere ai consumatori il controllo sui loro dati, ma anche a gettare luce su chi usa i loro dati dietro le quinte”, spiega Cook, precisando che la Federal Trade Commission dovrebbe creare una ‘clearinghouse’ di broker di dati, alla quale tutti i broker devono iscriversi e che consente ai consumatori di seguire tutte le transazioni riguardanti i loro dati incluso come sono venduti.

“Ai consumatori va dato il potere di cancellare i dati su richiesta, liberamente, facilmente e online, una volta per tutte”, conclude.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, sottosegretario Martella: stop alle aggressioni, difendiamo l’informazione. Da Salvini frasi inaccettabili

Editoria, sottosegretario Martella: stop alle aggressioni, difendiamo l’informazione. Da Salvini frasi inaccettabili

Vigilanza Rai, pronto il testo sui limiti alle esternazioni social dei dipendenti del servizio pubblico

Vigilanza Rai, pronto il testo sui limiti alle esternazioni social dei dipendenti del servizio pubblico

Papa: globalizzazione nociva quando uniforma tutto. Informazione locale, più autentica e vicina alla gente

Papa: globalizzazione nociva quando uniforma tutto. Informazione locale, più autentica e vicina alla gente