Fazio vince con Di Battista. Le Iene (e il calcio) azzannano D’Urso e Giletti

Serata calda e ricca di temi on air che andavano molto oltre quelli puramente televisivi, quella del 20 gennaio 2019. Alessandro Di Battista è andato ospite da Fabio Fazio. E anche se in avvio c’è stato qualche battibecco tra i due, il gesto è parso comunque avere valenze politiche significative, considerato come il conduttore savonese rimanga sotto attacco del governo gialloverde. La presenza ha assunto un significato ulteriore con le dichiarazioni ‘libere’ e non allineate a quelle dell’esecutivo del jolly d’attacco Cinquestelle. Che nella trasmissione ha criticato duramente la Francia per le sue politiche monetario-colonialistiche in Africa.

Dedicando ampio spazio ad una celebrazione di Fabrizio De Andrè e avendo in menù, nella prima parte – tra i vari ospiti – anche Diego Abatantuono e Vincenzo Salemme, ‘Che tempo che fa’ ha ottenuto 3,7 milioni di spettatori ed il 14,8% di share. Nella seconda fase – quella del Tavolo – la trasmissione ha poi avuto 2,2 milioni di spettatori ed il 13% di share, facendo molto meglio degli avversari diretti.

Su Canale 5, infatti, la seconda puntata della fiction ‘La Dottoressa Giò’, con Barbara D’Urso, ma anche la sorella Eleonora (che al pomeriggio ha visitato Barbara a ‘Domenica Live’) tra i protagonisti ha portato a casa solo 2,485 milioni di spettatori ed il 10,9% di share, in flessione di più di un punto e mezzo di share rispetto alla prima puntata, palesemente sofferente anche per il fuoco amico.

Sul terzo gradino del podio per ascolti – ma sul secondo virtuale – si è installata Italia 1, che ha proposto ‘Le Iene Show’, rientrato in griglia con Nadia Toffa alla conduzione. Andando a trovare e intervistare altri terroristi italiani rimasti liberi, in forzato esilio e fuga all’estero come Cesare Battisti e ora di nuovo nel mirino della polizia italiana, il format di Davide Parenti ha conquistato 2,047 milioni di spettatori e l’11,4% di share. Se però si considera la fase di messa in onda contemporanea, la lunghissima trasmissione di Italia 1 (2,495 milioni e 10,94%) ha superato di poco quella di Canale 5 (2,470milioni e 10,83%).

A incidere sui risultati complessivi, però, è stato anche il rientro della Serie A su Sky: ‘Napoli-Lazio’ ha portato a casa 1,462milioni di spettatori e il 5,8%. Sorpresa di serata, anche la performance di Rai3 con Gloria Guida e ‘Le Ragazze’: le ben raccontate e dense storie di donne degli ultimi decenni hanno conseguito 1,382 milioni di spettatori ed il 6,4% di share.

Inevitabilmente contratte, così, sono state le performance di Massimo Giletti, che sette giorni prima ospitando a lungo Matteo Salvini aveva conquistato 1,757 milioni di spettatori e 9,22%. Ieri con un menu più normale ‘Non è L’arena’ è atterrato a 1,296 milioni e il 6,8% di share, facendo comunque meglio della replica di Rai2 (‘La Porta Rossa’ 1,288 milioni e 5,23%), e battendo la Guida nella fase di contemporaneo on air (La7 a 1,516 milioni e 6,65% e Rai3 a 1,379 milioni e 6,05%).

Ultimo, staccato, è arrivato il film di Rete4 con Ben Affleck (‘The Town’ 1 milione e 5%). In seconda serata, è prima passato in testa il finale de ‘La Dottoressa Giò’, quindi quello di Fazio, e poi dopo le 24.00, sono passate al comando ‘Le Iene’.

Interessante registrare le nuove dinamiche del day time, dopo che Canale 5 ha evitato la contrapposizione tra D’Urso e Venier, inserendo le soap nella prima parte del pomeriggio.

Su Rai1 ‘Domenica in’ è arrivata tranquilla al 18,6% e al 17%, con ‘Beautiful’, ‘Una Vita’ e ‘Il Segreto’ al 12,7% su Canale 5. Su Rai2 ‘Quelli che Aspettano’ ha avuto 6,6% e poi ‘Quelli che il Calcio’ il 7,8%, con sulla terza rete Lucia Annunziata in crescita all’8,4% con Davide Ermini, vicepresidente Csm, nella perima parte e quindi Elsa Fornero a confronto con Pasquale Tridico a ‘Mezzora in più’.

Più tardi Cristina Parodi su Rai1 con ‘La prima volta’ è arrivata all’11,5%. Su Rai3 Camila Raznovich con  ‘Kilimangiaro’ ha conseguito il 7,4% nella prima parte e l’11,4% nella seconda parte. Su Canale 5 ‘Domenica Live’ ha inanellato il 16,2% ed il 13,8%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Inpgi, continuano le tensioni. Crimi: grave che Governo non possa essere presente in Cda

Inpgi, continuano le tensioni. Crimi: grave che Governo non possa essere presente in Cda

Inpgi, Lorusso replica a Crimi: istituto nel mirino. Sostituire membri di nomina governativa è prerogativa dell’Esecutivo

Inpgi, Lorusso replica a Crimi: istituto nel mirino. Sostituire membri di nomina governativa è prerogativa dell’Esecutivo

Mediaset: dopo Dailymotion, anche Vimeo condannata a risarcire 5 milioni per pirateria

Mediaset: dopo Dailymotion, anche Vimeo condannata a risarcire 5 milioni per pirateria