Google: dal 22 gennaio nuove norme privacy in linea con Gdpr. La responsabilità dei dati passa alla sede irlandese

A partire da domani, martedì 22 gennaio, Google introdurrà alcune modifiche alla privacy, in linea con il regolamento Ue sulla protezione dei dati personali (Gdpr) entrato in vigore nel maggio scorso. Sarà Google Irlanda, dove l’azienda ha il suo quartier generale europeo, e non più la californiana Google Llc, ad essere titolare del trattamento dei dati, responsabile delle informazioni degli utenti e del rispetto delle leggi vigenti sulla privacy.

(Foto Ansa EPA/JOHN G. MABANGLO)

La sede irlandese di Big G sarà quindi responsabile dell’osservanza del Gdpr, e dovrà rispondere alle richieste sui dati degli utenti, comprese quelle avanzate dalle forze dell’ordine dell’Unione europea. La modifica interesserà lo Spazio economico europeo (Ue più Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e la Svizzera.

A cambiare saranno poi i termini di servizio. In base alle modifiche, preannunciato a metà dicembre, anche i servizi della compagnia di Mountain View saranno erogati dalla sede irlandese. Anche questa modifica riguarderà lo Spazio economico europeo più la Svizzera, e si estenderà a YouTube sia gratis che a pagamento, Drive e Play.

I cambiamenti non altereranno l’esperienza dei fruitori dei servizi di Google, precisa la compagnia. Resterà tutto invariato – si legge in una nota inviata nelle scorse settimane agli utenti – anche per quanto riguarda le impostazioni sulla privacy, la modalità di trattamento dei dati e le finalità del trattamento.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

I 500 Brand più forti al mondo del 2020 secondo Brand Finance: Ferrari è il marchio più forte, Amazon primo per valore

I 500 Brand più forti al mondo del 2020 secondo Brand Finance: Ferrari è il marchio più forte, Amazon primo per valore

Annunziata lascia Huffington Post e gruppo Gedi. Cdr:  il giornale porta 1 milione di euro l’anno, editore chiarisca

Annunziata lascia Huffington Post e gruppo Gedi. Cdr: il giornale porta 1 milione di euro l’anno, editore chiarisca

Confindustria RadioTv sulla diffamazione: revisioni che tutelino l’informazione professionale

Confindustria RadioTv sulla diffamazione: revisioni che tutelino l’informazione professionale