Marco Damilano riorganizza L’Espresso. Qualche uscita, molti nuovi incarichi

Il direttore Marco Damilano rimodella la redazione dell’Espresso in vista della realizzazione del suo piano editoriale e del conseguente cambiamento radicale del settimanale che, tra laltro, prevede il superamento delle ‘antiche’ sezioni.

Marco Damilano (foto Ansa)

Marco Damilano (foto Ansa)

Le novità, unite all’uscita di alcuni giornalisti (nell’ultimo periodo sono usciti dalla redazione Caterina Cuzzola, Stefano Vergine e Daniela Zendroni, oltre a Fabio Tinollo che, da trent’anni al giornale, continuerà a collaborare) e al contratto di solidarietà in vigore, portano anche a spostamenti e a nuovi incarichi. Innanzitutto, viene ristrutturato l’ufficio centrale, di cui fanno parte i vice direttori Lirio Abbate e Alessandro Gilioli e il caporedattore Leopoldo Fabiani. Il caporedattore vicario Marco Pacini, invece, seguirà i servizi di Esteri e coordinerà i turni di solidarietà e ferie.

Beatrice Dondi diventa vice caporedattrice e si occuperà di integrazione tra l’edizione cartacea e il web. Mentre, la vice caporedattrice seguirà i servizi culturali nelle pagine delle idee.
In redazione: Paolo Biondani, Emiliano Fittipaldi, Fabrizio Gatti, Giuovanni Tizian, Gianfranco Turano continueranno a occuparsi di attualità e inchieste, Susanna Turco seguirà la politica interna, Emanuele Coen cultura e società, Vittorio Malagutti di inchieste di economia e finanza curando il collegamento con i consorzi di giornalismo internazionale di cui L’Espresso fa parte.
Federica Bianchi ha il compito di seguire i mutamenti economici e sociali e dal primo luglio lavorerà nella sede di Milano.

Per quanto riguarda Stefano Cipolla, con la qualifica di caporedattore è incaricato del progetto della nuova grafica del giornale, oltre che della responsabilità dell’ufficio grafico dove Catia Caronti si occuperà, assieme a Martina Cozzi, dell’impaginazione con la delega anche al controllo di qualità. Tiziana Faraoni, photoeditor, diventa vice caporedattrice.

Infine, il web: Mauro Munafò, diventa caposervizio, e oltre a lavorare per il sito e i social, firmerà inchieste e servizi per il giornale; Angiola Codacci-Pisanelli, caposervizio, oltre al sito, si occuperà di servizi e inchieste per le pagine culturali del settimanale; Riccardo Lenzi, oltre al web, potrà firmare interviste e servizi per la cultura.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati Generali dell’editoria, Roma 25 marzo. ECCO IL PROGRAMMA: con Conte e Crimi gli interventi di Fieg, Fnsi, Upa, Odg, Anso e Uspi

Il Team Sky diventa Ineos a partire dal 1° maggio. Debutto al Tour dello Yorkshire

Chiude la redazione di Roma del Giornale