Rai, Salini: servizio pubblico sia aperto ai più giovani, con strumenti per contrastare violenza e sopraffazione

Condividi

“La Rai ha il dovere di dare ai ragazzi gli strumenti per contrastare ogni forma di sopruso, violenza e sopraffazione, di essere uno spazio aperto per i loro sogni e le loro speranze”. A dirlo l’amministratore delegato della Rai, Fabrizio Salini, per la presentazione di ‘Liberi di scegliere’, film prodotto da Rai Fiction e Bibi Film Tv, ispirato alla storia vera di Roberto Di Bella, presidente del tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria, in onda stasera su Rai1.
“‘Liberi di scegliere’ per la Rai è motivo di orgoglio per molte ragioni, connesse a due parole decisive per il Servizio pubblico: il futuro e i giovani. Due parole chiave che in questo tv movie trovano un significato compiuto e prezioso”, ha aggiunto Salini nel suo intervento alla Camera dei Deputati, nell’aula del Palazzo dei Gruppi parlamentari per la proiezione.

Fabrizio Salini (Foto ANSA/RICCARDO ANTIMIANI)

“Alla tutela dei più giovani e del loro futuro è dedicata un’importante parte del nostro contratto di servizio, un patto che firmiamo con tutti i cittadini”, ha spiegato ancora, ribadendo rivolto agli studenti presenti in sala il suo impegno “perché la Rai sia un’alleata e un’amica preziosa per riflettere, per divertirvi, per costruire il vostro futuro e per aiutarvi a realizzare i vostri sogni”.

Sul ruolo del servizio pubblico nella lotta alla mafia è intervenuto anche il presidente della Camera Roberto Fico.
“La Rai è sempre in prima fila su questo e deve fare un servizio pubblico pubblico di qualità”, ha spiegato Fico. “Lo Stato ha il dovere di contrastare ogni tipo di organizzazione criminale”, e “tutti dobbiamo fare la nostra parte. Una battaglia che si deve portare avanti su due fronti, reprimendo il fenomeno mafioso e lavorando sull’educazione e sulla cultura, dando ai piu’ giovani che provengono dai contesti piu’ difficili la possibilita’ di scegliere”, ha concluso.