Restyling del logo e due nuove business unit per Spencer & Lewis

Da agenzia di comunicazione a Creative Pr House. Così in una nota Spencer & Lewis descrive le novità del 2019: restyling del logo, due nuove business unit e l’apertura di una nuova sede a Milano.

Il presidente di Spencer & Lewis Giorgio Giordani e il ceo Massimo Romano

La nuova immagine riflette i processi di cambiamento in atto, fuori e dentro la realtà aziendale, spiega il comunicato. La tagline nel nuovo logo riporta la scritta “Creative Pr House” e racchiude in tre concetti la brand identity di Spencer & Lewis e gli elementi chiave dell’operazione: modernizzazione, dinamicità e versatilità.

Nuovo logo

“Il nuovo concept chiude il cerchio dei primi dieci anni di attività e esprime a pieno chi siamo e qual è la nostra direzione”, spiega il presidente Giorgio Giordani. “E’ fondamentale riconoscere il lavoro costante di un team stabile e di valore. Allo stesso modo, dare ampio spazio al rapporto con i clienti ci ha portato a registrare un indice di longevità pari al 90%”, aggiunge il ceo Massimo Romano.

La strategia di sviluppo per il 2019 comprende la finalizzazione di due nuove etichette, pensate per ampliare l’offerta di business. L’azienda ha recentemente chiuso un accordo per l’acquisizione di una società di eventi che, oltre alla specializzazione sugli eventi di stampo tradizionale, aggiunge quella negli eventi ad alto tasso di creatività. Sarà presentata nel mese di marzo, in concomitanza con l’apertura dei nuovi uffici di Milano.

Nell’ultimo semestre, Spencer & Lewis ha inoltre concentrato le forze sulla costruzione di una seconda unit che opera nelle digital performance e nella gestione dei marketplace su Amazon che si trasformerà nel terzo trimestre dell’anno in una sigla autonoma.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Publicis Groupe lancia in Italia la unit Publicis Spine dedicata ai dati sul consumatore. Alla guida Alessio Fattore

Verizon Ads SDK, nuovo strumento a disposizione degli editori per monetizzare i contenuti via app

Roberto Liscia confermato presidente Netcomm