Verizon taglia il 7% dei posti nella divisione media: licenziamenti in arrivo per circa 800 dipendenti

Verizon ha in programma di licenziare centinaia di impiegati dalla sua divisione media. Secondo quanto segnalato in una comunicazione interna ripresa da Cnn Business, Verizon Media Group, la divisione che controlla brand come Yahoo, Aol e The Huffington Post, si prepara a tagliare del 7% dei suoi dipendenti. Non è chiaro quali marchi media saranno maggiormente colpiti, ma in totale i licenziamenti dovrebbero coinvolgere circa 800 persone.

Il gruppo ha definito la ristrutturazione un passaggio strategico per una migliore esecuzione dei piani per la crescita e l’innovazione, con Guru Gowrappan, ceo di Verizon Media, che ha spiegato che gli investimenti ora saranno orientati su mobile e video mentre si cercherà di stabilizzare le società.

K. Guru Gowrappan

Il gigante delle telco americane si era lanciato nel campo delle acquisizioni media sotto l’ex ceo Lowell McAdam, comprando nel 2015 per 4,4 miliardi di dollari Aol, parent company di siti come Huffington Post e TechCrunch, e successivamente la divisione internet di Yahoo, pagata oltre 4 miliardi di dollari.
I brand erano stati combinati in Oath (oggi Verizon Media Group), sotto la guida di Tim Amstrong (rimpiazzato a settembre 2018 da Gowrappan), con l’obiettivo di creare un blocco in grado di competere con Facebook e Google sul fronte pubblicitario.

La scommessa al momento non ha dato risultati sperati e i nuovi vertici di Verizon hanno ridimensionato le aspettative, facendo intendere – secondo quanto riportato dal sito Recode – di considerare le acquisizioni fatte degli errori.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal