Margini di crescita per il programmatic in Italia, ma gli investitori chiedono più trasparenza. Ricerca Iab Italia e Bto Research

In Italia il programmatic si conferma una delle voci più dinamiche dell’adv digitale, soprattutto tra gli editori. È quanto emerge dalla ricerca Iab Italia e Bto Research sull’evoluzione della pubblicità programmatica, secondo cui nel 2018 il suo valore ha raggiunto i 482 milioni di euro con un tasso di crescita annuo composto (Cagr) 2014-2018 del 34,4%. E la percentuale di aziende che acquistano, vendono e gestiscono spazi pubblicitari online secondo le logiche programmatic, spiega una nota di sintesi della ricerca, non scende sotto l’80%, e tocca quota quasi il 95% nel caso dei publisher.

Più nello specifico, 1 advertiser su 4 spende oltre il 50% del proprio budget in programmatic, con 3 advertiser su 5 che destinano almeno il 30% della spesa complessiva. Per 2 media agency su 5 il business del programmatic contribuisce a generale almeno il 30% del fatturato totale; tale quota supera il 50% per 1 media agency su 5. Per 1 publisher su 2 la quota di inventory digitale venduta tramite logiche di programmatic non supera il 30%. Per la maggior parte di essi tale quota è compresa tra il 15% e il 30%.

La fotografia scattata da BTO Research e IAB Italia evidenzia tuttavia come il livello di trasparenza percepito dai vari attori ed associato all’industria della pubblicità programmatica sia “medio”, denotando l’esistenza di margini di miglioramento. Margini che potrebbero essere almeno in parte colmati anche grazie all’utilizzo di tecnologie come la blockchain.

In ottica di ottimizzazione sistemica del mercato, secondo Iab Italia e Bto Research, prima di arrivare a un ecosistema aperto e decentralizzato (tipico della blockchain) è necessario un passaggio intermedio, attraverso la creazione di una piattaforma di collegamento tra i sistemi esistenti di programmatic e la blockchain di riferimento.

“Si tratterebbe di una sorta di ecosistema privato con connessione a una soluzione pubblica per garantire la visibilità e la trasparenza del dato – commenta Aldo Agostinelli, vice presidente di Iab Italia –. Un layer temporaneo partecipato dagli attori del nostro network per guidarli verso un vero e proprio ecosistema aperto e decentralizzato che coinvolgerebbe anche gli utenti finali, destinatari della pubblicità”.

“La forte espansione del mercato del programmatic advertising italiano è messa alla prova dalla presenza di relazioni talvolta poco trasparenti fra i diversi attori della filiera – riporta Luca Bonacina, senior research analyst di Bto Research -. Ad oggi, sono state valutate azioni di varia natura per arginare il problema della scarsa trasparenza ma queste sono il più delle volte espressione della volontà individuale di un singolo attore dell’ecosistema e non presentano le caratteristiche di olismo, pre-requisito essenziale per ottimizzare l’intera catena del valore. La tecnologia blockchain, per sua stessa natura, fornisce il supporto ideale per generare un maggiore livello di trasparenza e trust all’interno del mondo del programmatic advertising”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs: utile netto 2018 in crescita a 85,2 milioni; dal digitale il 16,7% dei ricavi. Dopo 10 anni torna al dividendo

Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per la vita di Radio Radicale

Mediaset, Ps Berlusconi: dobbiamo cambiare passo, espandersi all’estero per crescere ancora