La top 10 degli spot più popolari in Italia su YouTube nel 2018. Vince Fiat, poi Bauli e Dior

Ogni anno YouTube celebra la creatività dei Brand con la YouTube Ads Leaderboard, che identifica le 10 pubblicità più popolari in Italia attraverso i segnali di gradimento più significativi espressi dagli utenti, come il numero di visualizzazioni e condivisioni organiche di un annuncio. L’interesse per la pubblicità su YouTube trova un riscontro nei risultati di quest’anno: con 85 milioni di visualizzazioni totali rispetto ai 45 milioni del 2017, la Ads Leaderboard 2018 ha quasi raddoppiato i risultati dell’anno precedente.

La YouTube Ads Leaderboard 2018 è stata vinta da “Fiat 500X – A taste of tomorrow. Today” (agenzia creativa: Leo Burnett; agenzia media: Starcom) diventa la pubblicità più popolare dell’anno appena trascorso su YouTube. Ispirato al film cult “Ritorno al Futuro”, il cortometraggio porta il grande cinema su YouTube, grazie alla partecipazione dell’attore americano Christopher Lloyd, superando i 28 milioni di visualizzazioni.

Questa la YouTube Ads Leaderboard 2018:

  1. FIAT – FIAT | New 500X: a taste of tomorrow. Today.
  2. Bauli – Buondì Motta. Il finale col botto
  3. Dior – J’adore the New Absolu – The film
  4. Apple – Apple Watch Series 4 – Il meglio di te
  5. Ford – Nuova Ford EcoSport – Cool Day | Ford Italia
  6. Voiello – In cucina con Antonino – Episodio 3: la mamma
  7. BMW – Nasce un’auto che non c’era. Nasce BMW X2
  8. Enel – What’s Your Power?
  9. Pfizer – Nonni: moderni supereroi a rischio | Episodio 2
  10. Yves Rocher – Mettiamo alla prova le emozioni di Tess Masazza e Giulia Valentina!
  11. Francesco Malerba, brand marketing communication digital media Emea, e Paola Marazzini, director agency & strategic partnerships di Google (foto Primaonline)

Il commento di Paola Marazzini, director agency & strategic partnerships di Google sugli elementi ricorrenti nelle pubblicità di maggior successo su Youtube:

La qualità dei contenuti è più importante della durata
Quando una storia cattura l’attenzione – sia per la sua regia, per il tema trattato o per l’ironia vincente – la durata non ha più importanza: con 2 minuti e 30 secondi, “Fiat 500X – A taste of tomorrow. Today” si spinge ben oltre i classici confini dell’annuncio pubblicitario. Insieme a Fiat, superano la soglia dei 2 minuti anche Bauli e Voiello, mentre a superare il minuto sono 7 su 10.

La serialità premia
La serialità fa parte delle chiavi narrative del nostro tempo, e ne vediamo un riconoscimento anche su YouTube. Bauli, Voiello, Pfizer e Yves Rocher costruiscono la loro storia vincente attraverso una struttura a episodi. In modo diverso, Fiat sceglie elementi ricorrenti che si combinano con successo in “A taste of tomorrow. Today” così come in “See you in the future” del 2017: l’ambientazione italiana, il gusto per il vintage, una grande star e lo sguardo ironico sul futuro.

Con Fiat 500X vediamo inoltre come su YouTube sia possibile fare leva su un altro tipo di serialità: sono infatti centinaia i video dedicati a “Ritorno al futuro”, dalle classiche sequenze originali alle citazioni famose e i remake dei fan, con milioni e milioni di visualizzazioni che dimostrano l’interesse degli utenti e permettono di tenere alta l’attenzione sul messaggio.

L’importanza delle celebrità
L’importanza di un volto noto e apprezzato all’interno di un annuncio si conferma anche su YouTube. Oltre alla presenza di Christopher Lloyd nel cortometraggio di Fiat 500X, troviamo Charlize Theron per Dior, Antonino Cannavacciuolo per Voiello e Tess Masazza insieme a Giulia Valentina per Yves Rocher.

 Tutte le YouTube Ads Leaderboard sono disponibili su Think with Google.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fox Corp: debutta in borsa la nuova società dei Murdoch. Nel Cda anche l’ex speaker della Camera Usa Ryan, e il presidente di F1 Carey

19 marzo Angela doppia Bisio e Siani e Le Iene. Floris non stacca Berlinguer

Google modifica Android e il servizio shopping per rispondere alle richieste dell’Antitrust Ue