Gli atleti militari incontrano gli azzurri del rugby al 6 Nazioni

Gli atleti delle Forze Armate testimonial d’eccezione per l’Italrugby al 6 Nazioni. Una rappresentazna dagli atleti militari di Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa, ha incontrato gli azzurri impegnati nel torneo di rugby più antico al mondo durante una seduta di allenamento al Cpo di Roma.

Un connubio, quello tra Federazione italiana rugby (Fir) e Forze Armate, che si ripeterà anche durante la terza e la quinta partita, contro Irlanda e Francia, in calendario allo Stadio Olimpico di Roma rispettivamente domenica 24 febbraio (alle 16:00) e sabato 16 marzo (alle 13:30).

Lealtà, coraggio e spirito di sacrificio, ricorda un comunicato dello Stato Maggiore della Difesa, sono i valori insiti nel mondo dello sport e del rugby in particolare che trovano un riscontro pratico anche nei valori delle Forze Armate.

Tanta la curiosità mostrata da parte degli atleti presenti che, al termine della seduta, hanno approfittato per condividere con i giocatori dell’Italrugby un momento di confronto in vista del prossimo impegno della Nazionale, in calendario sabato 9 febbraio alle 17:45 allo Stadio Olimpico di Roma contro il Galles, dove una rappresentanza di militari in uniforme e di atleti paralimpici appartenenti al gruppo delle Forze Armate, sarà presente nel cerimoniale che precederà il secondo incontro dell’Italrugby al Guinness Sei Nazioni 2019, oltre a uno stand informativo sulle attività della Difesa al “Villaggio Ospitalità” presso lo Stadio dei Marmi del Foro Italico, per apprezzare i valori che contraddistinguono “gli uomini e le donne con le stellette”.

“La partnership e la presenza dei rappresentanti delle Forze Armate nelle prossime partite del Sei Nazioni allo Stadio Olimpico sono una conferma della volontà da parte della Fir di alimentare, in occasione degli Eventi Internazionali, contenuti e messaggi che possano essere un modello di riferimento in particolare per i più giovani”, ha dichiarato Pierluigi Bernabò, direttore dell’area eventi Fir. “Riconoscere il valore e dare visibilità a coloro che sono al servizio dei cittadini è coerente con il nostro progetto IV Tempo Rugby e Cultura, un contenitore che lega all’evento sportivo azioni concrete di solidarietà sociale e di valorizzazione delle eccellenze del nostro bellissimo Paese”.

Il connubio tra la Fir e le Forze Armate si ripeterà anche durante la terza e la quinta partita del Torneo più antico del mondo, in calendario allo Stadio Olimpico di Roma contro Irlanda e Francia, rispettivamente domenica 24 febbraio (alle 16:00) e sabato 16 marzo (alle 13:30).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il rugby italiano torna sulle reti Rai con le finali Top12

Il rugby italiano torna sulle reti Rai con le finali Top12

Francesco Molinari sbarca su GolfTv

Francesco Molinari sbarca su GolfTv

TIM rinnova l’accordo con Figc. Top partner delle Nazionali Italiane di Calcio per i prossimi quattro anni

TIM rinnova l’accordo con Figc. Top partner delle Nazionali Italiane di Calcio per i prossimi quattro anni