Rai, Laganà ai vertici: fare chiarezza su striscia dopo il Tg1 e sul ruolo della giornalista Maglie

Sulla striscia informativa dopo il Tg1 (quella che era stata di Enzo Biagi, poi di Pierluigi Battista, quindi di Giuliano Ferrara) che il direttore di Rai1 Teresa De Santis intende affidare alla giornalista Maria Giovanna Maglie, su cui stanno litigando Lega e 5Stelle e di cui non c’è una conferma ufficiale da parte dei vertici di Viale Mazzini, il consigliere Riccardo Laganà vuole che si scoprano le carte. 

Con una nota firmata anche dalla consigliera Pd Rita Borioni e inviata stamattina all’ad fabrizio Salini, al presidente Marcello Foa, ai colleghi del Cda, oltre che al direttore Governance e segreteria Societaria Nicola Claudio e al direttore del personale Luciano Flussi, il consigliere nominato dai dipendenti chiede ufficialmente che prima di tutto sia fatta piena chiarezza sul contenzioso amministrativo e giudiziario che c’è stato tra la Maglie e la Rai. In particolare Laganà chiede che il Cda acquisisca tutto il carteggio sulla vicenda delle spese di corrispondenza relative al periodo da gennaio ’92 a giugno ’93 per cui la giornalista si guadagnò il nomignolo di ‘Lady nota spese’ e subì un audit interno di viale Mazzini e una indagine della magistratura.  Va detto che la Maglie afferma di aver vinto tutte le cause con la Rai.

Riccardo Laganà (foto
ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Altro tema sollevato da Laganà nella lettera (e su cui si sta muovendo anche Usigrai) è che siano quanto prima riferite in Cda le ragioni che hanno portato a individuare il profilo delle Maglie, ex Pci, ex craxiana, ex berlusconiana, oggi tifosa di Donald Trump, come il più adatto a Rai1 nel vasto paniere dei giornalisti interni ed esterni al servizio pubblico.

Della nuova striscia Laganà dichiara di esserne al corrente solo per le notizie di stampa e di ignorare se la Maglia abbia già firmato un contratto con la Rai. Mentre voci di Rai1 dicono che la trasmissione dovrebbe partire o nella settimana dopo Sanremo o entro la fine di febbraio e che la Maglie, fuori dagli studi della Rai, stia discutendo con gli autori sulla scenografia del programma.

Maria GIovanna Maglie (Photo Lapresse – Omar Abd el Naser)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Azzurre boom. Per il match con il Brasile oltre 7,3 milioni totali di spettatori e share del 32,6%

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom

Rai, sì vigilanza a risoluzione M5S su incompatibilità doppio incarico Foa

Rai, sì vigilanza a risoluzione M5S su incompatibilità doppio incarico Foa