5 febbraio Il Festival di Baglioni cala ma sfiora il 50%. Picco con Bocelli, poi trend non esaltante

Baglioni 2018, per adesso, batte Baglioni 2019.  Senza alcuna concorrenza o quasi (in onda soprattutto film e soap, ma con Bianca Berlinguer e Giovanni Floris normalmente schierati con i propri talk) la prima serata del ‘Festival di Sanremo’ ha fatto complessivamente un buon risultato. Su Rai1 il battesimo dell’edizione numero 69, con il direttore artistico Claudio Baglioni, Virginia Raffaele e Claudio Bisio alla conduzione, tra gli ospiti Andrea e Matteo Bocelli, Giorgia, Claudio Santamaria e Pierfrancesco Favino, 24 campioni e in gara (Achille Lauro, Anna Tatangelo, Arisa, Boomdabash, Daniele Silvestri, Einar, Enrico Nigiotti, Ex-Otago, Francesco Renga, Federica Carta e Shade, Ghemon, Il Volo, Irama, Loredana Bertè, Mahmood, Motta, Negrita, Nek, Nino D’Angelo e Livio Cori, Paola Turci, Patty Pravo con Briga, Simone Cristicchi, Ultimo e Zen Circus) ha conseguito con ‘Sanremo Start’ 10,955 milioni ed il 38,66%, e poi con la prima parte 12,282 milioni di spettatori e il 49,41% e con la seconda parte 5,1 milioni e 50,11%. La media complessiva arriva così a 10,086 milioni di spettatori e il 49,5% di share.

Subito dopo, inoltre, il rientrante momento del ‘Dopofestival’, con Rocco Papaleo, Melissa Greco Marchetto e Anna Foglietta alla conduzione, ha raccolto 1,663 milioni di spettatori e il 35,99% di share.

Le performance di ieri risultano simili a quelli dell’esordio della seconda edizione con Carlo Conti nel 2016 (11,1 milioni di spettatori con il 49,48% di share), superiori per share ma molto inferiori per numero di ascoltatori a quelli della prima edizione con il conduttore toscano nel 2015 (11,767 milioni e 49,34%). Ma soprattutto – come anticipato- il direttore artistico ha perso per adesso il confronto con se stesso. La prima serata di Baglioni del 2018 aveva infatti ottenuto 13,775 milioni di spettatori e 51,41% con la prima parte e 6,6 milioni e 55,4% con la seconda parte (media a 11,6 milioni e 52,06% di share). Un risultato eccezionale quello della passata edizione, e trainato anche dalla bella ospitata di Rosario Fiorello. Vale la pena infatti registrare che negli ultimi 19 anni hanno superato il 50% di share all’esordio solo Fabio Fazio nel 2000 (57,18%), Raffaella Carrà nel 2001 (52%), Pippo Baudo nel 2002 (56,22%), Paolo Bonolis nel 2005 (54,78%) e Carlo Conti nel 2017 (50,37%.

Che si tratti o meno di una flessione fisiologica del Festival che potrebbe rientrare, almeno in parte, nelle prossime puntate, è difficile dirlo. Il picco di ascolti del programma è arrivato alle 21.49, a quota 15,660 milioni di spettatori ed il 53,36%, dopo l’esibizione di Andrea Bocelli. Subito dopo il programma ha sfiorato varie volte il 55% di share, ma mostrando un trend calante nella seconda parte, che solo nel finale – al momento della lettura della graduatoria parziale – ha riconquistato più della metà della platea televisiva.

Tornando alla clsssifica di prima serata, sul secondo gradino del podio si collocata la commedia nazionale in onda su Canale 5 Su Canale 5 (‘Buona Giornata’ a 1,596 milioni e 6,1%) che ha preceduto la soap su Rete4 (‘Il Segreto’ a 1,344 milioni e 4,7%).

Sulla stessa linea o quasi hanno corso i talk giornalisti e la miniserie horror cult in onda su Italia 1: su Rai3 ‘#Cartabianca’ ha conquistato 965mila spettatori e il 4% precedendo di poco su La7 ‘DiMartedì’, a 956mila spettatori e il 3,9%.

Su Italia 1 il terribile ‘It’ ha conquistato 954mila spettatori e il 4,7%, facendo comunque un po’ meglio dei programmi di Bianca Berlinguer e Giovanni Floris nel periodo in sovrapposizione.

In coda alla classifica è arrivata Rai2, con il film con Riccardo Scamarcio – ‘Pericle il nero’ – a soli 527mila spettatori e l’1,9% di share.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom

Stati generali editoria, stampa locale presidio connessione sociale. Corecom, ampliare competenze e più spazio scelta vertici Agcom

Rai, sì vigilanza a risoluzione M5S su incompatibilità doppio incarico Foa

Rai, sì vigilanza a risoluzione M5S su incompatibilità doppio incarico Foa

Inpgi, Crimi: risanamento o commissariamento. Allargando la platea naturale fine per l’Ordine dei giornalisti

Inpgi, Crimi: risanamento o commissariamento. Allargando la platea naturale fine per l’Ordine dei giornalisti