Il Nyt vede l’obiettivo di 800 milioni di ricavi digital entro il 2020. Il ceo Thompson: investimenti su giornalismo e prodotti

Il New York Times ha generato più di 709 milioni di dollari in ricavi digitali nel 2018. E’ il dato che emerge dai conti dell’editrice americana che con questi numeri vede avvicinarsi l’obiettivo di 800 milioni di dollari dal digitale fissato per il 2020 e la spingono a fissare un nuovo traguardo per i prossimi anni: aumentare gli abbonamenti a più di 10 milioni entro il 2025.

Stando ai conti registrati negli ultimi tre mesi del 2018, i ricavi dell’editrice sono saliti del 3,8% a 502,7 milioni di dollari, rispetto ai 484,1 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente e sopra i 479,5 milioni previsti dal mercato.

Negli ultimi tre mesi dell’anno la raccolta pubblicitaria digitale ha superato per la prima volta nel quarto trimestre quella della carta stampata, balzando del 23% a 103 milioni dollari. La raccolta pubblicitaria per la carta stampata è calata del 10% a 88 milioni.

La sede del New York Times (foto Primaonline.it)

Gli abbonamenti digitali sono saliti di 265mila unità, arrivando a un totale di 3.360.000 sottoscrizioni. Il numero totale degli abbonati fra digitale e carta stampata ha raggiunto i 4,3 milioni nel 2018, con i ricavi dagli abbonamenti digitali saliti di quasi il 18% a 400 milioni di dollari.

I ricavi, ha scritto l’editrice, permetteranno alla compagnia di investire sulle attività di redazione. “L’appeal che abbiamo sui lettori e sugli investitori dipende più di tutto dalla qualità del nostro giornalismo”, ha ricordato il ceo Mark Thompson. “Ecco perchè abbiamo aumentato, piuttosto che tagliare, gli investimenti su redazioni e opinioni”. “Vogliamo accelerare ulteriormente la nostra crescita sul digitale, per questo nel 2019 investiremo su giornalismo, prodotti e marketing”, ha concluso.

Lo scorso anno l’editrice, come già annunciato anche alla fine del 2018, ha aggiunto 120 persone nelle redazioni, poortando il totale dei giornalisti a 1600, il numero più alto raggiunto nella sua storia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider