7 febbraio Baglioni brilla meno alla terza prova. Poi arriva Tiramisù e Formigli sale sul podio

Era un po’ più complicato ieri sera, giovedì 7 febbraio, per il ‘Festival di Sanremo’ ripetere le buone prestazioni delle serate precedenti. Innanzitutto perché era più ostico il confronto con i risultati dell’edizione del 2018. L’anno scorso il terzo appuntamento aveva convinto 10,825 milioni di spettatori con il 51,6% di share, con la prima parte a 12,657 milioni di spettatori ed il 51,1% di share e la seconda parte a 6,142 milioni con il 54,4%.

E poi non era facile fare ancora una prestazione molto brillante perché la concorrenza era leggermente più forte e articolata delle precedenti serate. Le altre emittenti Rai e le tre di Cologno trasmettevano tutte film, di vario tipo e target, ma poi c’erano pure ‘Masterchef’ su SkyUno (610mila spettatori e il 2,5%per il primo passaggio) e ‘Lazio-Empoli’ su Sky Sport (387mila e l’1,4%).

Ebbene ieri su Rai1 la terza serata dell’edizione numero 69 con Claudio Baglioni, Virginia Raffaele e Claudio Bisio alla conduzione, tra gli ospiti Antonello Venditti (dopo il suo passaggio il picco da 13,2 milioni), Alessandra Amoroso, Ornella Vanoni, Umberto Tozzi e Raf, Paolo Cevoli (picco di share del 52,5% prima di mezzanotte), Fabio Rovazzi, Serena Rossi, e in gara dodici campioni (Mahmood, Enrico Nigiotti, Anna Tatangelo, Ultimo, Francesco Renga, Irama, Patty Pravo e Briga, Simone Cristicchi, Boomdabash, Motta, Zen Circus, Nino D’Angelo e Livio Cori), non è stata performante come ci si attendeva.

Baglioni ha ottenuto con ‘Sanremo Start’ 9,573 milioni ed il 35,223%, con la prima parte 10,850 milioni di spettatori e 46,37% e con la seconda parte 5,125 milioni e 49,1% (media a 9,408 milioni e 46,73% di share). In termini di share, considerate le edizioni degli ultimi dieci anni, il bilancio di ieri risulta inferiore – oltre che a quello del 2018 – anche a quello delle edizioni 2017 (Carlo Conti 49,7%), 2016 (Carlo Conti 47,88%), 2015 (Carlo Conti 49,5%), 2012 (Gianni Morandi 47,76%), 2011 (Gianni Morandi 50,9%), 2009 (Paolo Bonolis 47,17%).

Si è mantenuto sostanzialmente sulle proprie performance il ‘Dopofestival’, che con Rocco Papaleo, Melissa Greco Marchetto e Anna Foglietta alla conduzione, ha conquistato 1,650 milioni di spettatori e il 32,5% di share.

Tornando alla prima serata, dietro Rai1 è arrivata Canale 5 con una commedia nazionale di Fabio De Luigi, ‘Tiramisù’, a 1,740 milioni e 7,2%.

Sul terzo gradino del podio si è installata La7. Corrado Formigli con ‘Piazzapulita’ ha superato quota 1 milione con il 4,9%, lasciandosi dietro le pellicole delle altre principali generaliste. Su Rai2 il film ‘Dallas Buyers Club’ ha conquistato 711mila spettatori e il 2,7%. Su Italia1 ‘Crimson Peak’, firmato Guillermo Del Toro, ha conseguito 581mila spettatori e il 2,4%. In coda due titoli cult: su Rai3 ‘Rob Roy’ a 538mila e 2,2%, su Rete4 ‘Blade Runner’ a 425mila e 1,8%.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, sottosegretario Vacca (M5s): risposta sbagliata a giusto problema. Favorisce i grandi gruppi editoriali a discapito dei piccoli

Copyright, sottosegretario Vacca (M5s): risposta sbagliata a giusto problema. Favorisce i grandi gruppi editoriali a discapito dei piccoli

Cairo Communication: nel 2018 utile a 60,3 milioni, in crescita del 19,5%. Proposto dividendo a 0,14 euro

Cairo Communication: nel 2018 utile a 60,3 milioni, in crescita del 19,5%. Proposto dividendo a 0,14 euro

Lucetta Scaraffia e la redazione di Donne Chiesa Mondo lasciano in blocco l’inserto mensile dell’Osservatore Romano

Lucetta Scaraffia e la redazione di Donne Chiesa Mondo lasciano in blocco l’inserto mensile dell’Osservatore Romano