Sanremo 2019 mobilita l’Italia, con ascolti poco inferiori al 2018

Il primo Baglioni si conferma più forte del secondo, anche alla luce dei risultati dei meter delle ultime due serate. La finale del sessantanovesimo ‘Festival di Sanremo’, sabato 9 febbraio, ha raccolto 10,6 milioni di spettatori con il 56,5% di share. In particolare, ‘Sanremo Start’ ha conquistato 10,691 milioni di spettatori ed il 46,5% di share e quindi la prima parte della trasmissione 12,1 milioni ed il 53,12% e la seconda parte 8,394 milioni di spettatori con il 65,2%.

 

Il picco di ascolti della serata – a 13,3 milioni – si è registrato durante il passaggio di Eros Ramazzotti e Luis Fonsi, mentre nelle battute finali, con l’incoronazione del vincitore Mahmood, prevalso su Ultimo e Il Volo, lo share ha toccato il 73,7%.

Meglio di quella di ieri era andata la finale dell’anno scorso (12,1 milioni e 58,3%), mentre l’ultima edizione di Carlo Conti nel 2017 aveva chiuso con 12 milioni di spettatori ed il 58,4%.

Il calo più rilevante del festival baglioniano è quello in numero di spettatori. Su questo indicatore, infatti ‘Baglioni 2019’ si colloca al quindicesimo posto nella graduatoria dal 2000 in poi. In termini di share, invece, nello stesso arco temporale la finale di Sanremo vinta dal Mahmood si colloca al settimo posto.

Più bassi del 2018 sono stati anche gli ascolti della quarta serata, venerdì 7 febbraio, dedicata ai duetti: 9,5 milioni ed il 46,1% di share, contro i 10,1 milioni ed il 51,1% del 2018.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider